De jùrne aggióste ‘u supréne e de nòtte affìtte ‘u sutténe

De jùrne aggióste ‘u supréne e de nòtte affìtte ‘u sutténe

Di giorno restaura la casa posta al piano superiore e di notte loca quella di sotto.

Può sembrare che la ragazza sia molto attenta a sbrigare le faccende di casa sua, evidentemente posta su due livelli.

È una perifrasi-eufemistica che si usava per additare una puttana,  allo scopo di non scandalizzare troppo le orecchie sensibili delle comari.

Chi jì quèdde? Jüne ca fé ‘ bèlla giovene, ca de jùrne aggióste ‘u supréne e de nòtte affìtte ‘u sutténe.

Aggiustare la parte superiore significa imbellettarsi e anche figuratamente tentare di salvare la faccia, le apparenze.  Affittare la parte inferiore significa, alla lettera: concedere qualcosa in uso a qualcuno dietro pagamento.

Gli autorevoli studiosi Pasquale Caratù e Matteo Rinaldi nel loro grazioso volumetto “I proverbi manfredoniani” (Università degli Studi di Bari-Centro di Documentazione Storica di Manfredonia-Edizioni del Golfo-Manfredonia-1995) usando una formula breve, scrivono testualmente:

“Quann’a fèmene allìsce ‘u supréne, affìtt’u sutténe”  
«Quando la donna si agghinda, esprime dei….desideri»

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

5 − 3 =