Fé ´a còrse d´u ciócce 

Fé ´a còrse d´u ciócce loc.id. = Desistere, arrendersi

Alla lettera significa: fare la corsa dell´asino.

Mi sembra che si dica questa locuzione all´indirizzo di chi, mettendosi in mostra senza modestia, alla conclusione di qls raffronto, ne esce vergognosamente scornato.

Un po´ come quando si dice: “le pive di montagna, andarono per suonare e furono suonate”, o anche “ritornare con le pive nel sacco”, o meglio ancora “attacco francese e ritirata spagnola”.

Grazie e Giusi Demonte per il suggerimento.

Il lettore Michele Murgo, che ringrazio, completa la definizione scrivendo: “Si associa questo modo di dire a quelle persone che sul lavoro partono in quarta e si mostrano veloci e volenterosi ma inesorabilmente dopo un po’ mollano tutto, come gli asini impauriti che si bloccano e non c’è niente da fare per smuoverli”.

Filed under: FTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

tre + undici =