Manghe-li-chéne

Manghe-li-chéne

Manghe-li-chéne inter. = (Non lo auguro) nemmeno ai cani.

Manghe li chéne = Nemmeno i cani fanno questa vita.

Locuzione che indica una circostanza incresciosa, una peripezia disastrosa, un atteggiamento ostile o irascibile di qlcu, ecc., da non augurare nemmeno ai cani.

Figuratamente accompagna la definizione di una persona intrattabile, irascibile, litigiosa.

Agghje vìste a Giuanne, stöve ‘ngazzéte manghe li chéne! = Ho visto Giovanni, era infuriato, inviperito.

Questo detto si intercala quando si raccontano peripezie, guai, malattie, diarree e grattacapi, alle persone che hanno la pazienza di ascoltarci, per evidenziare le nostre sofferenze patite.

‘U delore de dènte m’ho fatte passé li uéje, manghe, li chéne = Il mal di denti mi ha fatto passare i guai, da augurare anessuno, nemmeno ai cani.

Agghje fàtte ‘nu viagge desgrazzjéte, manghe li chéne =Ho fatto un viaggio disagiato: Dio ne scampi.

Sté ‘u fréte di Mariètte, ca manghe li chéne, ce ‘mbriéche e grüde cüme ‘na bèstie = C’è il fratello di Marietta che, non lo auguro a nessuno, si ubriaca e urla come una bestia.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

quindici − dieci =