Nen vògghje jèsse pòlece (mànghe jìnd’a cammüse du Rè)

Nen vògghje jèsse pòlece (mànghe jìnd’a cammüse du Rè)

Non vorrei essere pulce nemmeno nella camicia del re.

Si cita questo proverbio quando si è di fronte ad una situazione terrificante.

Ovviamente si preferisce defilarsi, perché inevitabilmente si soccombe.

Veramente l’ho sentito dire sempre a metà, perché si presume che tutti conoscano il finale. Nen vògghje jèsse manghe pòlece…

Mò ca ce arretüre pàtete, nen vògghje jèsse manghe pòlece… = Ora che rincasa tuo padre non vorrei essere nei tuoi panni…

Rifugiarsi nella camicia del Re sarebbe per la metaforica pulce una pura effimera illusione di scamparla: la sorte sicuramente non cambierebbe, per la pur ridottissima dimensione,  cioè quella di finire come tutte le altre pulci individuata addosso agli umani o alle scimmie: schiacciata tra le unghie dei due pollici.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

otto − otto =