Nganna mére

Nganna mére loc.iavv. = In riva al mare

Anche: sulla riva del mare, sulla battigia, a ridosso, proprio sulla sponda del mare.

Ricordo che ‘nganne corrisponde a “in canna”, ove cànna significa collo e il suo contenuto (gola, esofago. trachea, giugulari).

Nel senso di trachea e vie respiratorie: mètte i méne nganne = strangolare.
Col significato di tubo digerente: mené nganne = ingoiare, trangugiare.

Nel nostro caso, indica la prossimità del soggetto in riva al mare, come una similitudine: difatti come il collo è breve ed è situato vicino alla testa, così è limitata la distanza del soggetto dal mare.

A proposito di questa locuzione, mi piace farvi conoscere, con il permesso dell’Autore, il nostro concittadino Franco Pinto, una bellissima e sentita poesia initolata “Mezzanotte nganna mére”

MÈZZANOTTE ‘NGANNA MÉRE

“C’ji cujitéte
Ho fatte e ho fatte
e c’ji cujitéte!
a dalle a dalle,
ma mo’, c’ji cujitéte,
u mére c’ji calméte.
Ho pruéte
a iavezé a chépe
ammachére mille volte
e pe mille volte
pe nu grîde
po’ ji cadûte,
e cûme se fosse ninde,
strîngènne i dinde
ho ‘vûte accumenzé
sèmbe da chépe.
Cèrte volte,
pe nu mumènde
ce ‘adergiôve
tutte ‘nziste
e sènza ‘ndôse,
ma de botte
po’ cadôve
n’a’ta volte
scuméte
cûme e Criste
sotte
u pôse
de la crôce.
Ho fatte fin’è mò
a vôce a vôce,
ma finalmènde
c’ji cujitéte.
Sccccct!… chiéne,
chiù chiéne, caggéne,
pusateve sôp’a l’acque
chiéne chiéne,
u mére sté stracque
facitele rîpusé.
E tô, vinde,
chiù citte,
ha fatt’u bummenére
fin’è mo’,
mo’ statte citte,
o ammachére
parle ‘ndi dinde,
u mére… doooorme!
E tô, lûne,
na pute stuté
quèdda lambadîne?!
Ch’a tine appîcéte a fe’
s’u mére dorme.
E vûje, stèlle,
ch’a sorte
d’i crîstiéne
tenete ‘mméne
e a facete
brôtte o bèlle
accûme ve piéce
a vûje, na volta tande
chiudete l’ucchje,
durmîte.
L’avete menéte de morte
pe tutta iogge, mo
‘satelu dorme mbéce.
E vûje, nôvele,
me raccumande,
accorte,
pu mande
vustre
appannéte
fînèstre e porte,
u mére
a lûce na sûpporte.
E tô, ièrve,
che te vôte?!
t’avande / tande
ca sí cenôte¹
e a che te sèrve?
Pe nu mugghje²
Accummùgghje
a pond’u scugghje,
livele quèdda spíne
da jinde u fianghe,
fallu dorme
libbre e franghe.
E vûje, iangele du Paravîse,
lasséte
cûme ve truéte,
menateve a bbasce,
e nmanîche
e ‘ngammîse
sunéte
e candéte,
fermète stu mumènde
chiô ca putete,
mo’ ca sté sôte³
e viéte sôghe4
cûme nu mastredasce5.
Durme mére, durme,
durme ‘ngrazzje de Dje,
u sunne chiûte a porte
a tutte i malîngunje
e ce porte
pa fandasje
‘nda nu mônne
fatt’ apposte pe nûje,
dîvèrs’ assé da stu poste
addica tande ce ioste
nu mùzzeche de pén’amére.
Durme mére, … durme…
durme…

Note
1. Cenôte: soffice.
2. Mugghje: cencio imbevuto d’acqua. Nel caso specifico: erba bagnata.
3. Sôte: fermo.
4 Sôghe: sega.
5 Mastredasce: falegname. “Seghé cûme nu mastredasce”= segare come un falegname: modo di dire che indica il “russare”.

MEZZANOTTE IN RIVA AL MARE

“Si è quietato!/ Dopo tanto dimenarsi/ Si è quietato!/ Ha trascorso una giornata/ in continuo movimento,/ ma ora si è quietato,/ il mare si è calmato./ Ha provato/ Ad alzare la testa/ Almeno mille volte/ e per mille volte/ con un grido/ è caduto,/ e come se fosse niente/ stringendo i denti/ ha dovuto incominciare/ sempre daccapo./ Certe volte,/ per un momento/ si ergeva/ tutto spavaldo/ e sicuro di sé,/ ma di botto/ ricadeva/ stremato/ come Cristo/ sotto/ il peso/ della croce./ Non ha fatto che lamentarsi/ fino ad ora,/ ma finalmente/ si è quietato./ Scccct! piano,/ più piano, gabbiani,/ posatevi sull’acqua/ piano piano,/ il mare è stanco,/ lasciatelo riposare./ E tu, vento,/ più zitto./
Hai fatto fino ad ora/ il “lupo mannaro”,/ adesso fai silenzio/ o almeno/ parla sottovoce,/ il mare…dorme./ E tu, luna,/ non la puoi spegnere/ quella lampadina?!/ Perché la tieni accesa/ se il mare dorme?!/ E voi, stelle,/ che la sorte/ dell’umane genti/ avete in mano/ e la rendete/ brutta o bella/ a vostro piacimento,/ una volta tanto/ chiudete gli occhi,/ dormite./ L’avete bistrattato/ durante tutto il giorno,/ ora lasciatelo dormire/ in pace./ E voi, nuvole,/ mi raccomando,/ accorte,/ col manto/ vostro/ coprite/ finestre e porte,/ il mare/ la luce non la sopporta./ E tu, erba,/ chi ti vede?!/ Ti vanti/ tanto/ di esser soffice/ e a cosa serve?!/ Con un tampone/ copri/ la punta dello scoglio,/ togli quella spina/ dal suo fianco,/ fa che lui dorma/ libero e franco./ E voi, Angeli del Paradiso,/ lasciate tutto/ come vi trovate,/ venite giù/ e in mancia di camicia/ suonate,/ e cantate,/ fermate questo momento/ più che potete,/ ora che è fermo/ e beato sega (russa)/ come un falegname./ Dormi mare, dormi,/ dormi in grazia di Dio,/ il sonno chiude la porta/ a tutte le malinconie/ e ci porta/ con la fantasia/ in un mondo/ fatto apposta per noi,/ assai diverso da questo,/ dove tanto ci costa/ un po’ di pane amaro./ Dormi mare,… dormi…/ dormi…

Filed under: NTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

quattro × due =