Mundanére, ciòcche de Monte

Mundanére, ciòcche de Monte,

Al Montanaro

Mundanére, ciòcche de Monte,
ha vìste a màmete a quant’jì longhe?

Montanaro, (dalla testa dura come un) ciocco di Monte (S.Angelo), hai visto tua madre quant’è lunga?

Ma che vuoi dal Montanaro? Sarà forse cocciuto, ma in quanto a intraprendenza e operosità dà sicuramente dei punti a noialtri rivieraschi.

L’epiteto “ciocche de Monte”, diventato sinonimo di  testardaggine, cocciutaggine, probabilmente ha una ben altra origine!

Difatti il prelato toscano Giovanni Maria Ciocchi del Monte, dopo essere stato per 31 anni Arcivescovo di Siponto (dal 1513 al 1544, sede lasciatagli dallo zio Antonio Maria Ciocchi del Monte che è stato Presule di Siponto dal 1506 al 1511) salì al soglio di San Pietro, il 22 febbraio 1550 con il nome di Giulio III  (←clicca).

Insomma questo “Ciocchi del Monte” dal 1506 al 1544 è talmente rimasto nelle orecchie del popolo che lo ha associato agli abitatori della città micaelica.con la pronuncia deformata in ciocche de Monte.

Filed under: Sfottò

Mattöje fìgghje müje

Mattöje fìgghje müje

Mattöje fìgghje müje
alla Mèreche ‘nen ge ‘a da jì:
se tóje vu’ fatjé
Mèreche jì là e Mèreche jì quà!

‘A màmme cchjù fetènde
li prepére la bbalüce.
‘U Pètre pe’ lu trumböne
l’accumbàgne alla stazzjöne.

Matteo, figlio mio, all’America non ci hai da (non devi) andare: se tu vuoi lavorare, America è là e America è qua! La mamma più decisa gli prepara la valigia, e il padre con il trombone (è un bandista?) lo accompagna alla stazione.

Filed under: Sfottò

Carrettjire mazzanganne

Carrettjire mazzanganne

Al carrettiere

Carrettjire mazzanganne
pìppe de cröte e cannócce de cànne.

Carrettiere scansafatiche, pipa di creta e cannello di canna (cannuccia di palude).

La creta, chiamata tecnicamente argilla, col trattamento termico, diventa terracotta (come i laterizi o le brocche, le giare, ecc.). Creta è il prodotto crudo, estratto e lavorato, prima di passare nella fornace per la cottura.

I fumatori di una volta che avevano bisogno di avere le mani libere, come i rammendatori di reti da pesca, i carrettieri e gli artigiani, usavano questa pipa, dal costo molto modesto.

Era composta da tre pezzi: il fornello in terracotta, il cannello dritto e il cannello curvo, di diametro inferiore, innestati uno nell’altro.

Come carica usavano un pezzo di sigaro “Toscano” sbriciolato, puzzolentissimo. Taluni usavano il “Trinciato forte” un tabacco venduto in pacchetti di carta, già triturato, ugualmente stomachevole. Altri coltivavano in proprio, col rischio di beccarsi una multa, delle piante di tabacco salentino.

Immagino che non aspirassero il fumo di quel tabacco, acre e dall’effetto certamente devastante all’interno dei bronchi.

Filed under: Sfottò

U caföne ca vöne da före

A Caföne

Al cafone

‘U caföne ca vöne da före,
ce mànge checòzze, ce mànge che tröve.
Po’, ce möne söpe ‘u litte
jamme sturte e cüle japjìrte

Il cafone che torna dai campi si mangia zucche, si mangia qualunque cosa trova pronto. Poi si butta sopra al letto, con le sue gambe storte e culo “aperto”

Si canzona allegramente il contadino scorreggione.

C’è una seconda versione leggermente diversa:

‘U caföne ca vöne da före,
checòzze lasse, e checòzze tröve
Po’, ce möne söpe ‘u litte
jamme sturte e cüle japjìrte.

Filed under: Sfottò

Serafüne ca vénne ‘u vüne

Serafüne ca vénne ‘u vüne

Sérafüne ca vénne ‘u vüne, 
a quatte solde e mèzza lüre,

föce pe museréje,

Sérafüne cè ‘mbriachéje.

Serafina che vende il vino sfuso, a quattro soldi e a mezza lira, fece per misurare, e Serafina si ubriacò.

Prima degli anni ’40 la Lira italiana si divideva in centesimi: un soldo di allora valeva 5 cent.
Quindi quattro soldi equivalevano a 20 cent. e mezza lira, ovviamente 50 cent.

Due qualità di vino con sostanziale differenza di prezzo e di qualità.

Qlcu diceva Zarafüne invece di Sérafüne. Nome non più usato ai giorni nostri.

Filed under: Sfottò

Salvatöre, salvamónne

Salvatöre, salvamónne

Salvatöre, salvamónne,
salv’a mmè che stéche ‘nfónne;

Salvatòre salva pranze,
la fatüje sèmbe scanze;

Quanne sté ‘u megghje pranze
Salvatöre scappe annànze.

Salvatore, salva-mondo, salva me che sto a fondo (per carenza di moneta); Salvatore, salva pranzo, la fatica sempre scansa; Quando c’è il miglior pranzo, Salvatore corre innanzi (è il primo ad arrivare).

Ringrazio la lettrice m.pia75 per il divertente suo apporto.

Filed under: Sfottò

Uàgliò Peppüne ‘u lorge nen camüne

Uàgliò Peppüne, ‘u lorge nen camüne

A Peppino

‘Uagliò, ‘Uàgliò Peppüne
‘u lorge nen camüne
camüne a vindiquattr’öre
ce n’jéme föra före.

Truème na vicchjarèlle
cù lu cüle a pagnuttèlle.

‘A vècchje quanne jì vècchje
cè scorce la pellècchje.

Variante:

Il terzo verso si usava anche in questa versione:

camüne a quatte motöre

Gli ultimi due versi hanno questa variante:

‘U vüte a quante jì bèlle
ca ce gràtte la pellècchja?

Ehi, ragazzo, Peppino, l’orologio non cammina. Cammina a 24 ore, ce ne andiamo per la campagna. Troviamo una vecchierella con il culo a pagnottella. La vecchia, quando e vecchia si spella la pelle.

Variante: Lo vedi quanto è bella che si gratta la pelle?

Filed under: Sfottò

Pasquéle spacca a mè,

Pasquéle spacca a mè,

Più che un vero sfottò diretto a Pasquale, è un vecchio scioglilingua:

Pasquéle spacca a mè,
e jüje nen pòzze arrevé a spacché a Pasquéle
 = Pasquale spacca me e io non riesco a spaccare Pasquale.

Notate il verbo regge il dativo (spaccare: a chi?) e non l’accusativo (spaccare: chi o che cosa?). Ecco che affiora la strutturazione della lingua spagnola.

Ringrazio per il suggerimento il lettore Michele Murgo.

Pasquale fa venire a mente uno scioglilingua napoletano:

Pašcà, pìglia ‘a šcópa e šcópa ‘e šcale! = Pasquale, prendi la scopa e spazza le scale.

Filed under: Sfottò

Ninètte ‘a sciabbacchètte

Ninètte ‘a sciabbacchètte

Alla cacona Ninetta

Ninètte ‘a sciabbacchètte, ci j’ cachéte ‘u cavezunètte!

Ninetta la sciattona, si è cacato la mutanda.

‘U cavezunètte si potrebbe tradurre calzoncino. Era la mutanda con la gambetta tipo boxer, unisex.

Filed under: Sfottò

Ndröje, sètte pólece ‘ngüle tenöve

 Ndröje, sètte pólece ‘ngüle tenöve

‘Ndröje.. Ndröje.. Ndröje..
sètte pólece ‘ngüle tenöve
jùne assöve e jùne trasöve,
‘u cüle de Ndröje ce frezzecöve.

Andrea, Andrea, Andrea,
sette pulci in culo aveva
una usciva, una (altra) entrava
tanto che il culo di Andrea si dimenava.

Povero Andrea! Qui è sfottuto per il suo evidente stato di sozzura che gli ha procurato l’annidarsi addirittura di sette pulci nel sedere. Nel loro andirivieni nell’orifizio anale procuravano tale intenso pizzicorio da costringere a il deretano ad agitarsi convulsamente.

Ringrazio Michele Murgo per avermi inviato questo simpativo sfottò che ho appena elaborato.

Filed under: Sfottò