Söpe a ‘na mundagnèlle…

L’indovinello completo suona così:
Söpe a ‘na mundagnèlle stöve ‘nu vecchiarjille,
strìtte di cendurèlle e làrje de cappjille

Sopra una montagnola c’era un vecchietto, con una cintura stretta e un cappello largo.

Soluzione: ‘u fònge = il fungo

Filed under: Indovinelli

Se lu vüde, quande jì brótte!…

Ecco il testo completo della terzina.

Si tratta, come quasi tutti gli indovinelli dialettali, di una definizione ridanciana che si presta a doppi sensi.

Se lu vüde, quande jì brótte!
Se l’addùre, quande föte!
Se l’assagge turne arröte.

Se lo vedi, quant’è brutto!
Se l’annusi, quanto puzza!
Se l’assaggi, torni di nuovo (ad assaggiarlo).

Veramente l’inizio del terzo verso dovrebbe essere: “Se l’assépre” = se l’assaggi, dal verbo assapré = assaporare, assaggiare. I ragazzi di oggi usano il simil-italiano assaggé, che ormai è diventato di uso comune.

Ma loro hanno frequentato tutti obbligatoriamente le scuole medie. La generazione precedente si fermava alla scuola elementare, e perciò tramandava un dialetto meno contaminato.

Difatti se chiedete ad una persona anziana come si traduce il verbo in questione, vi risponderà senza esitare: assapré, assapréte,= assaggiare, assaggiato. Tuttavia anche i giovani di oggi, con la stessa radice, usano l’aggettivo saprüte, saporito, ricco di sapore, gustoso.

Ah, nell’elucubrare la nota etimologica stavo dimenticando di rivelare la soluzione dell’indovinello: il baccalà!

Ringrazio la lettrice Tonia Trimigno per il suo grazioso suggerimento

Filed under: Indovinelli

Pa vocche ciacche-e-cciàcche…

Ecco l’indovinello completo:
Pa vòcche ciàcche-e-cciàcche, p’i méne ce manjöje, e ‘mmizz’i jamme ce nazzecöje.

Con la bocca in continuo movimento, con le mani si maneggia, tra le gambe pende e si dondola.

A cröne d’u Resàrje = La corona del Rosario

Filed under: Indovinelli

Nenn’jì Rè ma töne a cröne…

Ecco l’indovinello completo:

Nenn’jì Rè ma töne a cröne,

nen jì cavaljire ma porte i sprüne,

nen jì sagrestène ma söne ‘u mattutüne

Non è re ma ha la corona, non è cavaliere ma ha gli speroni, non è sacrestano ma suona il mattutino.

‘U jallócce = il gallo

La corona è la cresta

gli speroni sono le unghie posteriori, tipiche dei gallinacei (*)

il mattutino è il canto antelucano

 

(*)Gli speroni sono strutture ossee corneificate e fissate alla parte posteroinferiore del tarsometatarso. Sono presenti nei maschi di alcuni gallinacei – gallo, tacchino, parecchi fagiani – che se ne servono per offesa. Mancano nella faraona, nella quaglia e nella pernice. (dal web)

Filed under: Indovinelli

Murte te tènge, vüve te cöce

Murte te tènge, vüve te cöce

Se è morto ti tinge, se è vivo ti scotta

‘U carevöne, stutéte e appeccéte = Il carbone, spento e acceso.

Esiste una variante:

Murte te tènghe, vüve me cöce

Morto ti reggo, vivo mi scotto, ossia se sei spento ti prendo in mano, mentre se sei acceso e la  bruci.

Filed under: Indovinelli

La mamma la fé e ‘u pétre ce la fìcche

La mamma la fé e ‘u pétre ce la fìcche

La mamma la fa e il padre se la infila

‘A cavezètte = La calza fatta ai ferri.

Ricordo mia nonna con i suoi ferruzzi che faceva sempre calze con il cotone ritorto detto. Faceva passare, forse per comodità di esecuzione, il filo intorno al collo e poi attraverso una spilla da balia (appondapètte) fissata sul grembiule, all’altezza del petto.

Filed under: Indovinelli

Jì pèsce e nenn’ jì pèsce…

Ecco l’indovinello completo, in rima:
Jì pèsce e nenn’ jì pèsce,
ma töne ‘i spüne a cümme lù pesce,
töne ‘a chépe da cardenéle,
vè mmocche e nen fé méle

E’ pesce e non è pesce, ma ha le spine come il pesce, ha la testa da cardinale (rossa), va in bocca e non fa male.

‘U fechedègne = Il ficodindia

Filed under: Indovinelli