Döpe l’Epìste, Déo grazziàsse

Döpe l’Epìste, Déo grazziàsse

Dopo l’Epistola: Déo Gràtias.

Si cita questo detto allorquando un soccorso, un suggerimento, un conforto e qualsiasi altro sostegno richiesto, arriva fuori tempo massimo. Ossia quando si è già conclusa l’emergenza.

L’origine è derivata dal fatto che durante il rito della la Messa celebrata in latino fin al 1965 (con il Concilio Vaticano II si è imposta la lingua locale), terminata la lettura dell’Epistola (per esempio di San Paolo agli Efesini, ai Corinti, ecc.) il popolo all’invito del Sacerdote (Vèrbum Dòminum! = Parola del Signore, rispondeva Déo gràtias = Rendiamo grazie a Dio).

In dialetto non si andava troppo per il sottile sulla pronuncia del latino, tanto non lo sapeva quasi nessuno. Quindi gràtias andava detto benissimo grazziàsse. Ricordo che il verbo suscìpiat = (Il Signore) accetti (questo sacrificio…), era pronunciato susci-i-piàtte e intesa come un ordine per soffiare sui piatti!

Quindi DOPO aver terminato qualunque azione quasi automaticamente si pronunciava la formula DEO GRATIAS = finalmente!

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

9 + tredici =