Guandjire

Guandjire s.f. = vassoio, cabarè

Generalmente la “g” iniziale nel nostro dialetto tende a cadere davanti al dittongo ua/ue, (uèrre, uande, uardé, uadagné, uasté..). Perciò è accettabile anche la versione uandjire.

Su di una guantiera più grande, durante il rinfresco di nozze, venivano allineati i bicchierini di liquori o le porzioni di cassata che i camerieri in sala porgevano agli invitati nei vari “giri” di portate .
Ovviamente c’è il derivato ‘a uanderèlle per designare il vassoietto di dolci che molti di noi acquistiamo per onorare degnamente il rito del pranzo domenicale in famiglia..

Origine del nome “guantiera”. Anticamente, nei pranzi eleganti, gli invitati deponevano i guanti su un vassoio posto all’ingresso della sala, detto proprio guantiera. Lo stesso termine era usato per indicare la scatola che conteneva i guanti lunghi delle signore.

Quale strascico della dominazione francese degli Angioini, è rimasta in italiano la voce cabarè (da cabaret).
In dialetto è pronunciato cabbarè=vassoio, ma ormai va scomparendo, e viene usata solo dagli anziani: ‘nu cabbarè de paste = un vassoio di dolci.

Filed under: Senza categoria

Rumbamjinte

Rumbamjinte s.m. = rottura, seccatura, fastidio, disturbo.

In italiano esistono alcune locuzioni per questa situazione:
c’è quella pulita: “rottura di scatole”;
poi c’è quella più colorita “rottura di balle”;
infine quella triviale “rottura o rompimento di palle” (scusate).

Il dialetto usa “rottura” nella forma letteraria/arcaica di “rompimento”.
Il nostro sostantivo rumbamjinte (che rumbamjinte! ‘nu rumbamjinte!) da solo – per merito della nota capacità di sintesi del nostro dialetto – riesce ad esprimere anche quello che non si enuncia.
Non c’è bisogno di specificare compiutamente, anche se sottaciuto, che cosa va in rottura.
È ovvio, sottinteso, fatale.

Storiella finale.
Un impiegato imbranato, si rivolgeva attraverso il telefono con molta frequenza quotidianamente ad un suo collega per chiedere chiarimenti, ritocchi, consigli, procedure, ecc.
Questo collega, durante uno dei tanti martellamenti, lo blocca, e gli dice:
-«Aspetta! Hai un foglio? Prendi appunti!…. Scrivi in stampatello: “LA PITTURA”»
-«OK, l’ho scritto: e adesso?»
– «Adesso leggilo da destra verso sinistra!»

Filed under: RTagged with:

Giagalasse

Giangalasse n.p. = Gian Galeazzo

Il nome non è diffuso al Sud, ma viene ugualmente evocato (per far rima) in un Detto proverbiale dedicato ai fannulloni:

Fé la vüte de Giangalasse: mange, böve e sté alla spasse = fa la vita di Gian Galeazze: mangia, beve e sta (volontariamente) disoccupato.

Una variante conclude con vé alla spasse = va bighellonando.
Oppure ce la spasse = se la spassa, se la gode

Filed under: GTagged with:

Mantöche

Mantöche s.f. = Manteca, burrino, butirro.


Accettabile anche la pronuncia mandöche.
Mi viene in aiuto il solito Treccani:

«Nome regionale di piccole forme di cacio tenero (pasta di scamorza) tipiche della Puglia, della Basilicata e della Calabria con un globo di burro posto al centro, chiamate anche con altri nomi (ad esempio burrino, e butirro silano).

Aggiungo che è un latticinio di antichissima origine, e che “manteca” in spagnolo significa semplicemente “burro”. Era un modo di conservarlo prima dell’avvento dei frigoriferi. La pasta della scamorza poteva anche asciugarsi e indurirsi ma il burro interno si conservava a lungo grazie all’assenza di aria. Un sottovuoto naturale.

È poco commercializzato perché tutti cerchiamo, per motivi dietetici, di allontanare il burro dalle nostre abitudini alimentari.

Filed under: MTagged with:

Fenetòrje de mónne

Fenetòrje de mónne loc.id. = limite estremo, massimo, top, vertice,apice.

Va bene anche la versione fenetòrje ‘u mónne.

Alla lettera significa una/la fine del mondo,

Nel descrivere un’emozione, un avvenimento, un oggetto, si ricorre a questa locuzione che vuol significare che non esiste nulla che possa paragonarvisi, sia in positivo, sia in negativo.
Insomma oltre quel limite non si può andare perché c’è il nulla, l’abisso, il mondo finito!

I nostri avi etichettavano il tutto con tre parole “Non plus ultra” il limite estremo che si può raggiungere, il massimo possibile o immaginabile.

Cainàteme fé l’ùgghje ca jì ‘a fenetòrje ‘u mónne = Mio cognato produce un olio che è la fine del mondo (che ha una qualità insuperabile)

Stanotte… vjinde, acque, lampe, trune e sajètte!… ‘Assemegghjöve ‘na fenetòrje ‘u mónne = Questa notte c’è stata una tempesta: vento, pioggia, tuoni e fulmini!… Sembrava (che fosse giunta) la fine del mondo!

Filed under: FTagged with:

Fé fenèsce ‘u mónne

Fè fenesce ’u mónne loc.id. = fare una tragedia.

Alcun soggetti tendono ad esagerare nel descrivere un evento o nell’esternare una lamentela, anche elevando il tono di voce e mostrarsi esagitati.
Cì’, mò fé fenèsce ‘u mónne! = Zitto, ora fai sembrare che sia avvenuta una tragedia!

Mò fé fenèsce ‘u mónne pe ‘na zènne de carevógne = Stai facendo una tragedia per un piccolo foruncolo!

Filed under: FTagged with:

Sguìnge (de)

Sguinge loc.id. = Sbieco, sghembo.

Accettabile anche la dizione de sguìnce.
Voce derivata dallo spagnolo esguince = stortura, distorsione.

La lingua italiana è ricchissima di sinonimi:
“obliquo, diagonale, trasversale, sbieco, sghimbescio, trasversale, fuori squadra, fuori sesto, sbilenco, di traverso”.

Insomma qualcosa che non segue l’ordinamento verticale/orizzontale ritenuto più idoneo o confacente (lavoro a maglia, aratura dei campi, ricamo, taglio di tessuto, tracciatura di percorso stradale, ecc.), ma va di traverso, in diagonale.

‘Stu müre ce ne vé de sguince = questa parete è fuori squadra (non è ad angolo retto).

Filed under: STagged with:

Capetògne

Capetògne s.f. = Capriola, capitombolo

Accettabili le versioni capetonne o chépetonne.

Definizione della Treccani:
«Salto che si fa mettendo le mani o il capo a terra, slanciando le gambe in aria e rovesciandosi su sé stessi» 

I bambini la fanno per divertire se stessi; i clown le fanno multiple nei circhi per divertire gli altri.

Filed under: CTagged with:

Stüpe ‘a ‘nzogne pe quanne t’abbesogne

Stüpe ‘a ‘nzogne pe quanne t’abbesogne prov. = Conserva la sugna per quando ti necessita

Come tutti i proverbi invita alla parsimonia, alla prudenza nell’uso delle cose. Non si sa mai il futuro cosa ci possa riservare.

Il nostro Detto parla di sugna solo per la rima. Il consiglio va bene per ogni cosa: cibo, vestiario, denaro, beni voluttuari ecc.

Filed under: Proverbi e Detti

Accuste

Accusté v.t. = accanto, a fianco, a lato, presso, vicino

Indica la poca distanza fra persone o di cose (case, edifici).

Giuanne jàvete accuste a chése = Giovanni abita a fianco di casa (mia).

Mìttete accuste a mmè, nen ‘ncarecanne =Mettiti accanto a me, non temere.

A segnöre accust’a mme töne ‘nu chène ca škéme tutt’a notte.= la sigmora accanto ha un cane che guaisce tutta la notte.

Da ragazzo ritenevo che accuste , per la vicinanza, si riferisse ai custe , come dire “alle costole”. Invece ho scoperto che deriva dal latino ad costam = a lato, vicino. Da qui derivano ovviamente anche accusté e accustàrece= avvicinare, avvicinarsi.

Mi viene a mente un brindisi in dialetto napoletano:.
Si riempiono i bicchieri e si invitano i presenti a imitare il gesto:

Aìza, aìza, aìza,
acala, acala, acala,
accosta, accosta,
alla saluta vostra.

Ossia:
Alza, alza, alza;
abbassa, abbassa, abbassa,
accosta, accosta, accosta:
alla salute vostra!

Filed under: ATagged with: