L’acque fé ‘mbraceté ‘i bastemjinde a mére

L’acque fé ‘mbraceté i bastemjinde a mére

L’acqua fa marcire i bastimenti a mare.

La frase in se stessa non chiarisce molto un concetto che pare ovvio.

E’ la risposta ironica al padrone di casa che ci offre da bere dell’acqua.

– Vu’ ‘nu pöche d’acque? = Vuoi un po’ di acqua?
– L’acque fé mbraceté i bastemjinde a mére = L’acqua fa marcire i bastimenti a mare.

Insomma il padrone di casa non l’aveva capito: non avrebbe dovuto offrire l’acqua all’ospite, bensì birra, o vino, liquore, caffé.

Un’altra simpatica risposta è:
 No, l’acque po’ vé alla spalle = No, l’acqua poi va alla spalla.

Qui il discorso è un po’ più serio.

In tempi in cui il riscaldamento nelle case era dato solo da un braciere a carbonella, le persone anziane si ammalavano di pleurite essudativa o di pleurite sierosa.

Questa malattia è un’infiammazione acuta o cronica della pleura con essudazione fibrinosa delle sue superfici e con presenza di essudato nella cavità pleurica, causata dal micobatterio tubercolare. Conseguenza: febbri e difficoltà respiratorie.

E non erano stati inventati ancora gli antibiotici!

Il popolino chiamava questa brutta malattia “l’acque alla spalle“.

Ecco perché era meglio il vino….L’acqua poteva infiltrarsi nella spalla!

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

sette + 12 =