Mecöle, töne la jàtte per megghjöre

Mecöle, töne la jàtte per megghjöre

Mecöle, Mecöle,Mecöle,
töne la jàtte per megghjöre
töne lu sòrge pe jarzöne
e Mecöle ‘u cacazzöne!

Michele, Michele, Michele, ha la gatta per moglie, ha il topo per garzone.e Michele è un fifone.

Per sfottere maggiormente il Michele preso di mira, specie se si sa che costui ha origini montanare, si pronuncia un po’ storpiando il suo dialetto:

Mechéle, Mechéle, Mechéle,
téne la jàtte pe megghjére
téne lu sòrge pe jarzòune
e Mechéle ‘u cuacazzòune.

Filed under: Sfottò

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

quindici − otto =