Pe’

Pe’ prep.sempl. = Per, con

In dialetto ha doppia valenza.

1) Nel significato di con, ossia affiancamento, connessione. Anche a Monte Sant’Angelo viene inteso allo stesso modo.
Il prof. Michele Ciliberti ritiene che sia un uso iperestensivo di “per” con valore di favore, gratitudine e, quindi, compagnia e/o unione.

Alcuni esempi:
Cungètte sté pe’ mè
. = Concetta sta con me.
Mattöje, vògghje parlé ‘nu pöche pe’ tè = Matteo, voglio parlare un po’ con te.
‘U chéne p’a cöda tagghjéte = Il cane con la coda mozzata.


2) Nel significato proprio di
per, ossia attraversamento, percorso, tramite

Viaggéme pe’ tèrre, pe’ cjile e pe’ mére = Viaggiamo per terra, per cielo e per mare.
Ce facèmme ‘na camenéte pe’ mjizz’a chjazze = Ci facemmo una passeggiata per il Corso.
Se ne jöve pe’ mè, vüje stèvete angöre allabbàsce = Se non era per me, voi sareste rimasti ancora laggiù.
Pe mmè ce völe ‘n’ata ‘ggionde = Per me (secondo me) ci vuole un’altra aggiunta (per raggiungere la misura giusta).

La preposizione articolata p’a, p’u, p’i, introduce il complemento di mezzo:
So jüte a Röme p’u tröne = Sono andato a Roma in treno.
Süme arrevéte p’a pustéle = Siamo arrivati col pullman.

Filed under: PTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

1 × 5 =