Pungèlle

Pungèlle s.f. = Abitino, Scapolare

Immagine sacra o reliquia che si porta al collo appesa a un nastro, o si indossa in qls modo

La devozione popolare, con un po’ di superstizione, aveva creato una specie di talismano, di amuleto, che doveva proteggere il neonato da ogni male.

La pungèlle era una specie di sacchetto quadrato (foto 1), ma spesso anche a forma di cuore (foto 2), dentro il quale si ponevano alcune immaginette sacre, e poi cucito per tutto il suo perimetro per evitarne la fuoruscita.

Orlata e ricamata con amore dalla futura mamma, la pungèlle, era di colore rosa per le femminucce, e ovviamente celeste per i maschietti. Veniva inserita, previo bacio della mammina, tra le spire avvolgenti della fasciatura, prima dell’ultimo giro, in corrispondenza del cuoricino.

Ricordo che le pungèlle  a  forma di cuore venivano confezionate e vendute anche dalle suore dell’ “Orfanotrofio Stella Maris”.

Con grande sorpresa e tenerezza qualche anno fa reperii, in fondo ad un cassetto del comò nella casa paterna, una pungèlle a forma di cuore, dal colore molto sbiadito. Sicuramente quella che mia madre usò per me, essendo io un figlio unico..

Ora non si quasi usa più perché i neonati non vengono più avvolti in fasce come una volta.  Ma vi assicuro che funzionava meglio dell’ASL.

Filed under: PTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

uno + 1 =