Quànne ‘u puverjille cuciüne ‘i maccarüne, chéde ‘a felìnje

Quànne ‘u puverjille cuciüne ‘i maccarüne, chéde ‘a felìnje

Quando il poverello cuoce i maccheroni cade la fuliggine.

Se il misero riesce a racimolare un po’ di soldi per accendere il fuoco di legna e a preparare un piatto caldo, la sfortuna gli fa cadere un pezzo di filuggine dalla canna fumaria proprio nell’acqua dove è in cottura un po’ di maccheroni.

Quando uno nasce jellato…

La malasorte sembra divertirsi a perseguitare quelli che avrebbero bisogno di un po’ di tregua.

Similmente si dice ironicamente: tenì ‘a fertüne appezzechéte ‘ngüle = avere una gran fortuna.

Oppure che il cane morde sempre lo straccione

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

19 + dodici =