Tatta-melöne

Tatta-melöne

Al calvo

Tatta-melöne
damme ‘na fèlle de melöne,
e se tó ne mme la vu’ déje,
tatta-melöne t’agghjia chiamé.

Papà mellone, dammi una fetta di mellone,
e se tu non me la vuoi dare,
papà-mellone ti devo chiamare

Canzonatura verso coloro che avevano il cranio pelato o che si facevano rapare i capelli a zero per evitare pidocchi e la frequente spesa del barbiere.

Quel “tatta” è forse un epiteto per significare “tatà” (babbo, papà).

Qualcuno ancora più feroce, cambiava l’ultimo verso:
“…passe la morte e te vöne a pegghjé!” = passa la morte e ti viene a pigliare.
Qui poteva scattare una reazione manesca!

Lo stesso semplice motivo musicale, forse derivato da uno dei segnali militari, articolato su poche note (come la sveglia, il silenzio, il rancio, ecc.), è usato anche in Tezzone e carevöne. (←clicca per ascoltare)

Filed under: Sfottò

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

20 − 11 =