Arrevéte a lu furnére ce jàrde ‘a pìzze.

Arrevéte a lu furnére ce jàrde ‘a pìzze.

Arrivato il turno del fornaio, si brucia la pizza.

Un po’ come la storia del calzolaio con le scarpe rotte perché non trova il tempo di ripararle.

Dopo aver mostrato la disponibilità a risolvere i problemi altrui, magari portandoli a soluzione, il soggetto si trova a non poter eliminare i propri, perché le circostanze hanno irrimediabilmente compromessa ogni possibilità di uscita.
Mi viene a mente una poesia del mio carissimo amico Lino Nenna dedicata al fornaio.

‘U furnére

Scorze de mènele
e frasche assecchéte
jardèvene jìnd’u fórne
pe tutt’a jurnéte.
Nfurnéte de péne sèmbe chjöne,
fatte de vjirne e de staggiöne.

Mìsse püre pìzze e turtanjille,
jèvene purtéte da ‘u furnére
p‘a carrète, e ‘u ciucciarjille.
“ ’U péne sté, ooooh!….”
Anghjöve e purtöve au fórne.

Ai prïmi ggiüre ca ce faciöve
‘a carrètte ggià ce anghjöve
e accumenzöve sóbbete
‘n’ ata ggeréte, pegghjànne l’atu péne
ca püre tarde jöve stéte ‘mbastéte.

Filed under: Proverbi e Detti

1 Comment

  1. Potrebbe essere anche che la persona di mestiere se non controlla lui stesso le sue realtà del suo stesso mestiere, non trova aiuto da altri.


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

quattro × 5 =