Autore: tonino

Jì pèsce e nenn’ jì pèsce…

Ecco l’indovinello completo, in rima:
Jì pèsce e nenn’ jì pèsce,
ma töne ‘i spüne a cümme lù pesce,
töne ‘a chépe da cardenéle,
vè mmocche e nen fé méle

E’ pesce e non è pesce, ma ha le spine come il pesce, ha la testa da cardinale (rossa), va in bocca e non fa male.

‘U fechedègne = Il ficodindia

Filed under: Indovinelli

Jémece a cuché…

Jémece a cuché…

Indovinello completo:

Jémece a cuché, o cara còcchje
e faciüme ‘i cöse de la nòtte.
I cöse de la nòtte nüje faciüme
e püle söpa püle nüje mettüme.

Sciósce ca sciùsce
dàlle ca dàlle
före stànne ‘i püle
e jìnde stànne ‘i pàlle!

Bellissimo indovinello suggeritomi da PEPPE a commento di uno simile Jemece a coleche…..

PEPPE ha usato il verbo “cuché“, simile al francese coucher. il posto del sin. còleche = coricare.

Urge la traduzione per i non Manfredoniani che hanno la pazienza di seguire questo vocabolario. Avrete capito che si parla degli occhi!

Andiamo a coricarci, cara coppia (di occhi)
e facciamo le cose della notte (dormire)
le cose della notte noi facciamo
e peli sopra peli noi mettiamo (accostiamo le palpebre e le ciglia per dormire).
Soffia e soffia (respiro profondamente)
dai e dai (tento e ritento)
fuori stanno i peli (le ciglia unite per il sonno)
dentro stanno gli occhi (sotto le palpebre)

Filed under: Indovinelli

Jémece a còleche, c’ jì fàtte notte…

Jémece a còleche, c’ jì fàtte notte…

Indovinello completo:

Jémece a còleche, c’ jì fàtte notte, jéme a fé i cöse d’a notte: püle e püle hamm’ accucchjé e códde de mmjizze ce uà cutelé =
Andiamoci a coricare, si è fatto notte, andiamo a fare le cose della notte: peli e peli dobbiamo unire, e quello di mezzo si deve muovere

L’ucchje = L’occhio

Filed under: Indovinelli

Jü venghe da Meléne….

Questo è il testo completo dell’indovinello:
Jü venghe da Meléne
pe ‘nu cöse de ‘nu palme mméne,
véche dalla mia spöse
e ce lu ficche ind’a pelöse

Io vengo da Milano con una cosa (della lunghezza) di un palmo in mano, vado dalla mia sposa e glielo infilo nella parte coperta di peli.

‘A pettenesse = Il pettine

Variante: Jü tenghe ‘na bèlla cöse! Mo’ véche d’annammuréte,e ce la passe ind’a pelöse = Io ho una bella cosa. Ora vado dall’innamorata e gliela passo nella parte pelosa.

Filed under: Indovinelli

De notte sté ‘ndeséte, e de jùrne sté ‘mmuscéte

De notte sté ‘ndeséte, e de jùrne sté ‘mmuscéte

Di notte è teso e di giorno è floscio

‘U varröne addröte la pòrte = Il paletto dietro la porta.

E’ una sbarra di ferro che si mette in contrasto dietro la porta per chiuderla in sicurezza dall’interno.

Di notte è in posizione orizzontale (è teso) e di giorno in posizione di riposo (è floscio)

Filed under: Indovinelli

Cìcche-e-cjàcche ind’ i cosse de màmete

Cìcche-e-cjàcche ind’ i cosse de màmete

Cick-e-ciack nelle cosce di tua madre

‘U struculatüre = L’asse per lavare, stropicciatoio.

Per lavare i panni, si immergeva l’asse nella tinozza con i panni in ammollo. La parte superiore dello stropicciatoio poggiava all’attaccatura delle gambe della lavandaia. Essa stava in piedi e chinata un po’ in avanti, per poter insaponare e sbattere la biancheria da lavare. Il movimento delle braccia sullo stropiciatoio davano un certo ritmo all’operazione (cick-ciack).

Filed under: Indovinelli

Chi la fé, la fé p’a vènne…

 Ecco l’indovinello completo:

Chi la fé, la fé p’a vènne;

chi l’accatte nen li sèrve;

chi li sèrve ne la vöte;

chi la vöte ne la völe.

Chi la fa, la fa per venderla;
chi la compra, non ne ha bisogno;
chi ne ha bisogno, non la vede;
chi la vede non la vuole.

‘A càsce de mùrte, ‘U tavüte = La bara.

Filed under: Indovinelli