Carüse

Carüse s.m. = Cranio rapato

Deriva dal latino cariosus, che significa glabro, privo di peli;  oppure dal greco keiro  che significa  tagliare, rasare.
Il termine è passato attraverso il provenzale, lo spagnolo e il siciliano.

Spesso per questioni di igiene, i bambini venivano rapati a zero.

La testa senza capelli (si usava anche il sinonimo melöne e tatta-melöne) veniva indicata come carüse.

Me sò fàtte ‘u carüse (o anche me sò fatte ‘u tatta-melöne, oppure me sò caruséte) = Mi sono rapato a zero.

Il bambino è tuttora chiamato caruso in Sicilia e  toso in Lombardia, come dire tosato, rapato.

Filed under: CTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

nove − 3 =