Cré

Cré, avv. = Domani, il giorno dopo di questo.

Qlcu pronuncia anche créjeVènghe quann’è créje = Vengo quando è domani.

Termine conservato dal latino Cras.

I nostri vecchi usavano anche pescré = dopodomani, sempre dal lat. post cras il giorno dopo di domani.

Sovente dicevano anche pescrìdde per indicare il terzo giorno che verrà…ma questa voce non ha etimologia classica: è una deformazione locale.

Carlo Levi, nel suo libro “Cristo si è fermato a Eboli” addirittura riferisce che i contadini della Basilicata, oltre al crà e pescrà, usassero pure pescrillepescùllemarculfo e altri vocaboli che ora non ricordo…. Insomma avevano un termine per indicare ogni giorno futuro fino alla successiva settimana!

Mi fanno ridere i ragazzi moderni che sanno dire duméne e döpe-duméne, traducendo l’italiano in manfredoniano… Questo è un dialetto geneticamente modificato…Evitiamolo, o parla italiano o “parlamanfredoniano.com”

Filed under: CTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

sedici − 3 =