Fé scènne da ‘ngjile

Fé scènne da ‘ngjile loc.id. = Fare discendere dal cielo

Questa locuzione si usa rivolgendosi a qlcu che vuole esaltare in iperbole i pregi della mercanzia o della prestazione di servizio, dell’abilità sua o di altri. Il più delle volte questi pregi sono inconsistenti.

Ahó, sté facènne scènne da ‘ngjile ‘sti pemedöre de Zappunöte! Sèmbe pemedöre so’! = Ehi, stai sperticatamente decantando questi pomodori di Zapponeta! Ma, alla fine, sono sempre pomodori (e non puoi pretendere questo prezzo esoso).

Sté facènne scènne da ‘ngjile ‘stu cantande… A me nen me piéce! Cante chjù mègghje Luciéne = Stai lodando oltremodo questo cantante…A me non piace! Canta meglio Luciano.

Chi jì ‘stu Vissani? Lu stanne facènne scènne da ‘ngjile…Mamme cucjüne chjù saprüte di jìsse!
 = Chi è questo Vissani? Lo stanno esaltando come lo chef insuperabile…Certamente mia madre cucina manicaretti più saporiti dei suoi. (ndr: Ehm, confermo!)

Filed under: FTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

5 × due =