Mùzzeche

Mùzzeche s.m. = Morso

L’atto dell’affondare i denti per mordere.

Deriva dal verbo morsicare (cambia solo l’accento: muzzeché) addentare, azzannare.

Il verbo muzzeché è un po’ riduttivo. Nella parlata si dice škaffé ‘nu mùzzeche = appioppare un morso,

Per estensione ‘u mùzzeche è anche la puntura della zanzara o di altro insetto, il segno della morsicatura, l’escoriazione provocata da scarpe troppo strette.

Altro significato di mùzzeche: boccone, pezzetto di cibo. Dàmme ‘nu mùzzeche de péne= Dammi un boccone di pane.

Nella mia fantasia di bambino, tuttavia, ‘u mùzzeche per eccellenza è rimasto quello che i pescatori davano al polpo avvinghiato al loro braccio, per spezzargli le fibre e ottenerne il rilascio dalle ventose: škaffè ‘nu mùzzeche addröte ‘ cuzzètte = affibbiare un morso dietro al collo (del polpo).

Non so se questa operazione avveniva realmente: io mi atterrivo solo all’idea di essere afferrato dal polpo e trascinato negli abissi, anche perché i denti anteriori a cinque anni di età mi erano caduti, e quindi non avevo alcuna possibilità di difesa! Fantasie di bimbi…

Filed under: MTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

11 + sei =