Natéle p’u mósse de jónde…

Natéle p’u mósse de jónde…

Esiste una canzoncina su melodia pastorale di ciaramelle:

Mo vöne Natéle, mo vöne Natéle,
faciüme li pèttele e ‘i cartellète,
nannarjille e cavenzuncjille,
ostia-chjöne e scavetatille,
mustacciule e mènel’atteréte…

Natéle p’u mósse de jónde,
e döpe Natèle facimme li cónde.
A mangè te vöne lu góste
e a pajé te vöne la sóste

Traduzione:
Ora arriva Natale: prepariamo le frittelle e le cartellate, gli struffoli e i calzoncini, ostie ripiene, scaldatelli, mostaccioli e mandorle caramellate. (Arriva) Natale con la bocca piena di unto, e dopo Natale facciamo i conti: a mangiare ti viene il gusto, a pagare ti viene il nervoso.

Si cita spesso solo il verso Natéle p’u mósse de jónde…, tanto tutti sanno com’è il seguito.

Questo per dire che è il momento giusto per gustare le squisitezze: c’è sempre tempo per pagare e per pentirsi di essersi ingozzati di (clicca→)‘mbrìgnele

È il manfredoniano Carpe diem = Cogli l’attimo (favorevole).

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

diciassette + 17 =