Balaccöne 

Balaccöne s.m. = Polaccone o Pollaccone

Al plurale suona balaccüne.

Il balaccöne è termine marinaresco che indica una vela triangolare, posta fra l’albero di prua e il bompresso. Di solito nei velieri sono multiple.

Nelle mie ricerche mi sono imbattuto nell’inesauribile Enciclopedia Treccani,  che mi dà questa spiegazione:

«Polaccone (ant. pollaccone)  – Nell’attrezzatura navale,  vela triangolare, molto usata nei piccoli velieri mediterranei (detta anche mezzavela), che si dispone a prua di un albero a vela latina, invece di un fiocco, sostenendola con un’asta (buttafuori o spigone) che tiene luogo del bompresso.»

A proposito di orecchie esiste una simpatica definizione, le famose “rècchje a balaccüne“, ossia orecchie a sventola, quelle con il padiglione molto sporgente in avanti. Sventola o ventola è quella specie di ventaglio usato per ravvivare il fuoco.

In dialetto si fanno paragoni di frequente con qualcosa:
rècchje a balaccüne,
jàmme a chjurlüne,
nése a pepöne,
pjite a pàpere,
capìlle a mammazze… e così via

Filed under: BTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

uno × 2 =