Bannajùle

Bannajùle s.m. = Banditore

Non c’erano altri mezzi di fare pubblicità, e si ricorreva a questi personaggi tipici dell’Italia meridionale, chiamati banditori.

Questri giravano le principali vie della città e annunziavano, dietro compenso, gli slogan e le notizie di interesse generale.

Due erano i Banditori ufficiali di Manfredonia:

Uno era Domenico Notarangelo, detto Tremelànde = tremolante, affetto da parkinsonismo;  l’altro era Antonio Potito, detto ‘Ndònje Melöne per via della sua testa calva che sembrava un melone.

Erano entrambi dotati di voce possente e penetrante.

Del primo ricordo che girava con la carrozzella da trasporto persone di Michelino (u cavalle p’ ‘a palla grosse!) sulla quale era fissato il “tabellone” con la locandina del film che si sarebbe proiettato la sera al Cinema dei Fratelli Pesante (soprannominati Prijatòrje), e lui sedeva a fianco al cocchiere. Talvolta usava un megafono di latta.

Annunciava in italiano, perché dovevano capire anche i forestieri di passaggio:
“Questa sera, al Cinema di Pesante, ci sarà il bellissimo filmo:”A sud di Pago-Pago”!!!!

Oppure:
“Al cinema di Murgo! Tutti al Cinema di Muuuuuurgo!: Andate a vedere “Tarza’ contro i Cacciatori Bianchi” Inutile chiedergli di pronunciare Johnny Weissmüller! Fino a Randolf Scott o Tirò-mpòve (Tyrone Power) e Alà-lladd (Alan Ladd), poteva anche riuscirci…

E anche:
”E’ uscito il nuovo filmo di Totòoo! Uagnü’… (ragazzi), tutti addu Priatòrje stasööööööre!!!.

Si vede che Tremelànde aveva appaltato l’annuncio di tutti i Cinema dell’epoca.

Antonio Potito, alias ‘Ntonje Melöne, aveva in soprannome di riserva: Gobbalamamme. Dopo la sua scomparsa per qualche tempo svolse le funzioni di bannajule suo figlio Ciro.

Ricordo qualche grido di “Melöne”, dotato di voce possente e squillante, da tenore d’opera:

“Uhé, sentite! E pò dicite ca non sentite!:chi a fusse truwéte ‘na scarpetèlla nèrjia…” = Chi avesse trovato una scarpina nera…

A Mundicchje c’jì pèrse ‘nu uagnöne de trè janne. Iétele a trué, ca la mamma chjànge!!! ” = Al Rione Monticchio si è smarrito un bambino di tre anni. Andatelo a cercare, trovatelo perché sua madre piange …

Alla candüne de Pachjìreche jì arrevéte ‘u vüne nùuve! Mado’ quant’jì saprüte!!” = Alla cantina di P. è arrivato il vino novello! Madonna mia quant’è saporito!

Stasöre, ci’ fé ‘u cumìzzje sott’u Municipje!. Uà parlé l’Onorevele Micöle Magne!! ” = Questa sera ci sarà un comizio in Piazza del Popolo (sotto il Municipio): parlerà l’Onorevole Michele Magno.

-Jògge, alle djice e mezze, ce vènne ‘a carne a bassa-macèlle söp’a chjazzètte!!!! “! = Oggi alle ore dieci e trenta si inizierà la vendita della carne di bassa-macelleria alla Piazzetta del mercato.

’Sepònde ‘a Ciavarèlla ho fatt ‘nu pjìzze di uagnöne màaascule: Iét‘a vedì quand’jì bèlle!!! E non ce jéte ch’i méne vacàaande!!! = Sipontina Ciavarella ha partorito un bel bambino maschio. Andate a vedere quant’è bello! E non andateci a mani vuote!

Talvolta annunciava la nascita del maschio alludendo ai suoi piccoli genitali, maliziosamente chiamati pólepe arreccéte = polpo arricciato. Se la neonata era femmina, parlava di tregghja spacchéte = triglia spaccata.

Fantasia, spirito e buonumore non mancavano a questi personaggi del passato ormai scomparsi, non solo per inevitabili questioni anagrafiche.

Il mio amico Lino Nenna ha dedicato dei versi a questa benemerita figura. Ascoltate Lino (cliccate sul triangolino bianco) e leggete la sua composizione:

‘U bannajule
-« Uhé, sendïte!… Ca pò decïte ca nen sendïte:
Duméne matüne tutte a Seponde,
ce accumènzene i sàbbete alla Madonne!»
-«Pruvvedìteve d’acque:
uà manghé pe trè jurne!»
-«Abbasce Culìcchje
jì arrevéte ‘u lanajule;
ho purtéte ‘a léne p’i matarazze!»
(…e ‘nu cambiöne jìsse purtöve ‘mbrazze).
-«Söp’a chiazzètte ce vènne
‘a carne a bassa macèlle!»

Ce fermöve ai pìzze-candüne, addumannanne
püre chi afósse truéte ‘nu uagnöne,
‘na scarpetèlle, ‘nu braccialètte o ‘nu bortafoglie.

A sertìrle de gredé te venöve voglie.
-«Tutti al cinema di Murgo questa sera!…»:
annunciöve acchessì ‘nu bèlle film e ‘a staggiöne.

E gredanne p’i stréde. ‘nvurmànne ‘a gente,
a cchjó de jüne, ‘u bannajule, faciöve cundènte.

Traduzione: “Ehi, sentite! E poi dite che non sentite: domani mattina tutti a Siponto, ché cominciano i sabati alla Madonna!” “Provvedetevi di acqua ché deve mancare per tre giorni”. “Giù al Boccolicchio è arrivato il lanaiolo, ha portato la lana per i materassi!” (e un campione portava in braccio). “Sulla Piazzetta del Mercato si vende la carne di bassa macelleria!”
Si fermava agli angoli, domandando anche chi avesse trovato un bambino, o scarpettine, braccialetti, portafogli. A sentirlo di gridare ti veniva voglia. “Tutti al cinema Impero questa sera…”: annunciava così un bel film e la stagione. E gridando per le strade informando la gente, a più di uno un banditore faceva contento.

Vi voglio infine rimandare alla bellissima pagina del libro “Arti e mestieri a Manfredonia”, scritto dal compianto insegnante Giuseppe Antonio Gentile (Ed.1988 Centro di documentazione storica-Manfredonia), al capitolo riguardante proprio (clicca qui→) IL-BANDITORE.

Filed under: BTagged with:

2 Comments

  1. I love your writing style genuinely loving this website.

  2. Traduco per quelli che non conoscono l’inglese:

    «Amo il tuo stile di scrittura, adoro sinceramente questo sito web.»

    Grazie Crempie!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

3 × 2 =