Mantenì

Mantenì v.t. = Mantenere, reggere, sorreggere

Deriva dal latino manu-tenère, ossia tenere in mano.

In senso fisico è tenere fisso e fermo un oggetto.
Esempio reggere una scala a pioli, dando sicurezza al collega che esegue un lavoro situato in alto; reggere gli arnesi da passare sempre al collega che questa volta armeggia a livello del pavimento.

In senso figurato conservare qualcosa allo stesso stato, o sovvenzionare costantemente qualcuno con denaro.
L’esempio classico è quello di sostenere l’amante (femminile singolare) con abitazione e quota fissa mensile…

Il significato poi si è allargato ulteriormente assumendo varie connotazioni. Il prezioso sito https://sapere.virgilio.it/parole/sinonimi-e-contrari/ ne cita un bel gruppo: « conservare, fare durare, tenere, tenere saldo, restare in possesso, detenere, reggere, serbare, difendere, rispettare, osservare, tenere fede, adempiere, proteggere, difendere, custodire, tutelare, sostentare, alimentare, nutrire, allevare, crescere, provvedere, fornire i mezzi, assicurare il necessario, finanziare, sostentarsi, sfamarsi, alimentarsi, conservarsi, durare, restare, rimanere, continuare.»

Aggiungo per alleggerire il discorso la locuzione mantenì ‘a cannöle, corrispondente al romanesco réggere er móccolo, che descrive l’imbarazzante situazione di una terza persona in mezzo ad un momento di intimità di una coppia di innamorati.

Filed under: MTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

7 + tredici =