Paliatöne

Paliatöne s.m. = Scarica di percosse

Il sostantivo  «paliatone», usato in tutto il Sud Italia, indica l’atto di picchiare  lungo una persona e in maniera piuttosto violenta.

Deriva dal verbo palià, di origine Gallo-italico  che indica l’azione di separare il grano dalla paglia usando la pala. Il movimento abbassa-alza-abbassa-alza della pala tra le mani è eloquente.
Un’altra origine plausibile è conducibile allo spagnolo apalear che significa proprio randellare, battere, percuotere, passato attraverso il napoletano palià, di cui paliatone è l’accrescitivo..

Se le percosse sono numerose e memorabili, l’azione dicesi Paljatöne a nómere jüne = Botte a numero uno, cioè in cima ad una ipotetica classifica delle sberle.

Sinonimi:

  • Paliéte s.f. = Legnata
  • Pandummüne s.m.= Pestaggio movimentato
  • Mazzjatöne s.m.= Pestaggio con l’ausilio di un bastone, bastonatura
  • Škaffjéte = Schiaffeggiamento
  • Taccariéte = Legnate col bastone da spighe (‘u taccarijlle)
  • Zeghegnéte = Serie di pugni sugli zigomi o sulle arcate sopracciliari.

Circonlocuzioni:

  • Frechéte de mazzéte = Scarica di legnate (mazze  = manico di scopa)
  • Menéte de cazzuttüne = Gragnuola di pugni
  • Mustaccéte de sanghe = Pestaggio facciale. Il sangue colato dalle narici disegna un paio di baffi (mustazze)
  • Scàreche de taccaréte = Gragnuola di bastonate  inferte col taccarjìlle.
  • Abbuttéte de fàcce = Gonfiata di faccia (per i pugni)
  • Stengenéte de cùste = Incrinatura di costole
  • Menéte de škaffe = Serie di schiaffi
  • Menéte de recchjéle = Schiaffoni a mano aperta diretti a colpire guancia e orecchia.

Altri tipi di percosse inflitte, per lo più in ambito domestico a scopo “pedagogico” erano (dico erano perché ora sono cadute in disuso):

  • A botte de chjanjille = a colpi di ciabatta
    Valido mezzo da lancio che serviva per colpire, in genere alla schiena, le simpatiche canaglie in fuga. Il preciso lancio dei chjanjille (ciabatte in genere pesanti) veniva preceduto da urla tipo: ca te vonn’acciüde, ca te vonna sparé. ‘stu bböje, ‘stu malazziunande, ecc.
  • A botte de ratavjille= a colpi di ramazza.
    Il deterrente migliore che usavano le mamme per domare le piccole pesti della famiglia.
    Il rataviello era una specie di spazzolone per lavare a terra. Non era come l’attuale morbido “mocio vileda”, ma aveva attaccato al lungo manico un pesante tocco di legno rettangolare. Usato con abilità, produceva grossi bernoccoli sulla capoccia dei monelli.
  • A botte de zùcchele = a colpi di zoccolo [di legno]
    Questo era un sistema “volante”, ed era davvero sconsigliabile da usare, in quanto, se colpiva il bersaglio, comportava  una successiva corsa in ospedale per mettere i punti di sutura a una testa spaccata.

Questi sono termini molto più immediati ed efficaci dei corrispondenti in lingua! (busse, percosse, botte). Ne esci sempre molto malconcio, ma… vuoi mettere?

Mi piace qui riportare una composizione del mio amico Leonardo Trotta intitolata:

 “NEN DANNE RÈTTE A SUNNE”

Finalmènde ‘i cöse ce so’ aggiustéte!
Finalmènde ‘a gonne
c’jì ngiunecchjéte annanze ‘i vréche!
Finalmènde c’jì capïte
ch’jì ca cumanne ‘nda ‘sta chése!

L’agghje fatte ‘na frechéte de mazzéte!…
Mò, abbaste ca fazze ‘nu cènne,
E sóbbete ce ‘nginocchje e avasce ‘a chépe.
Abbaste ca jàveze ‘nu dïte
e fé tutte quèdde ca jü dïche….

Po’ so škandéte,
e me so respegghjéte!
È fatte pe ‘uardàrme  au spècchje
e tenöve i guance rosse
e n’ucchje ammappéte.

Nóneme bbunàneme deciöve:
“Nepö’,  statte attjinte ai sunne!
Spìsse so tutte ‘u cuntrarje
de cume ti l’ha sunnete!”

Oooh,  ‘u vidì ca stu sunne
l’agghje méle ‘nterpretéte
e ‘u paliatöne nen l’agghje fatte jü
ma me lu so abbuškete?.

Filed under: PTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

2 × 2 =