Sécrètè

Sécrètè s.m. = Secrétaire, mobile a ribalta,

Si tratta di complemento d’arredo senza tempo, facilmente adattabile alle esigenze contemporanee, dotato di un’anta a ribalta che – una volta abbassata – funge da piano di appoggio. L’interno è suddiviso in ripiani e cassettini per contenere oggetti di cancelleria,  gioielli o profumi.

In origine era usato principalmente come scrittoio, e come contenitore di documenti importanti.

Quelli d’antiquariato -(foto in alto) hanno fattura  di legni pregiati e una linea elegante ed elaborata.

Quelli moderni (foto a sinistra) sono semplici e lineari, ma ugualmente funzionali ed apprezzati.

Il termine francese secrétaire è stato adottato più o meno con la stessa pronuncia sécrètè, oltre che dal nostro dialetto anche altre lingue (ingl. secterair,  ted. Sekretär, ecc.)

Per estensione in tempi recenti anche al glorioso sécrétè è stato affibbiato il nome di “settimino” che propriamente designa una cassettiera priva di ribaltina anch’essa facente parte dell’arredo della camera da letto quale contenitore di biancheria.

Filed under: STagged with:

Scurènze

Scurènze s.f. = Annebbiamento

È usato nella locuzione scurènza d’ucchje per indicare un offuscamento della vista dovuto a malore, tanto da sentirsi mancare, quasi da cadere in deliquio.

Usato anche come equivalente delle locuzioni in lingua “andare il sangue alla testa” e “non vederci più” come causa di gesti incontrollati a seguito di una solenne arrabbiatura. Insomma una reazione forse spropositata ad una ingiustizia, ad un torto, ad un’offesa.

Sicuramente deriva da scurènze deriva da scuro, buio.
In effetti un attimo prima di svenire si “vede” tutto nero. Insomma si è preda di una scurènza d’úcchje.

Filed under: STagged with:

Cerolotte

Cerolotte s.m. = celluloide

È la contrazione di “celluloide”, la prima materia plastica inventata nella seconda metà dl 1800 impiegando sostanze naturali (nitrocellulosa, azoto e canfora).
Venne usata per confezionare giocattoli, montature di occhiali, pellicole per film e foto, penne stilografiche, ecc. Aveva lo svantaggio di essere estremamente infiammabile.

Ebbe successo nell’industria automobilistica che usa tuttora il “vetro di sicurezza” (detto vetro stratificato), ossia composto da due lastre di vetro tenute insieme da uno strato di celluloide. Da pochi anni per incollare le due lastre viene usato uno strato di  polivinilbutirrale (notizia fornita da Wikipedia).
La celluloide era impiegata anche per la copertura trasparente della carlinga nei velivoli da guerra.

Ora la celluloide viene sostituita totalmente da polimeri, derivati dalla lavorazione del petrolio (plexiglass, box doccia, targhe, ecc.)

Ringrazio il lettore Giovanni Ognissanti per avermi suggerito questo termine, che era passato completamente nel dimenticatoio.

Filed under: CTagged with:

Mezzöne

Mezzöne s.m. v.t. = mozzicone, cicca;  eludere, scansare, fare finta di corpo

1) – Mezzöne – È la parte rimanente di un oggetto parzialmente reciso, spezzato o consumato.
Specificamente noi intendiamo la parte incombusta di una candela o la parte terminale  una sigaretta o del sigaro

Mi ricordo, quando le sigarette erano prodotte solo senza filtro,  di qualche disperato jöve recugghjènne ‘i mezzüne = andava raccogliendo le cicche che i fumatori abbandonavano nella Villa o per il Corso, con le quali confezionava e si fumava dei puzzolentissimi spinelli.  Effetti della miseria.

2) – Fé ‘u mezzöne,  Nel gioco del calcio si usa un brutto verbo, dribblare, passato dall’inglese, ossia fare dribbling; finta di corpo, movimento d’inganno per superare l’avversario.

Nei giochi fanciulleschi fé ‘u mezzöne signifca spiazzare l’inseguitore cambiando improvvisamente direzione della fuga.
Eludere, scansare abilmente una minaccia, sgattaiolare.

Filed under: MTagged with:

Šcaùrte

Šcaùrte s.m., agg. = Tozzo, tarchiato

È una persona bassa, tarchiata, forzuta, come i cavalli “schiavi”, ossia provenienti dall’antica Schiavonia.
Così era intesa una Regione adriatica orientale, dominata dalla Repubblica marinara di Venezia; “Schiavoni” o “Schiavi” erano detti i suoi abitanti slavi, non latini, considerati ottimi soldati, chiamati “i fedelissimi di San Marco”.

Dei cavalli schiavi, muscolosi e pieni di forza parlano diversi documenti storici che provengono da Dubrovnich (la bellissima città adriatica detta “Ragusa di Dalmazia” dai tempi della Serenissima).

Ringrazio di cuore il dott.Matteo Rinaldi per avermi fornito tutti i dati utili alla compilazione di questo articolo.

Nota linguistica.
Vi ricordo che la consonante “s” accentata con il segno diacritico della “pipetta”(tecnicamente detta hacek), usata in alcune lingue straniere slave o nordiche, ossia la “š” si deve leggere come l’italiano “sc” davanti alle vocali “e” e “i” (scena, sceriffo, sciarpa, sciroppo, ecc.)
Un esempio giunto anche a noi è il famoso marchio Škoda (auto e motori marini).

Filed under: STagged with: ,

Vüje de San Giàcheme Jalìzzje

Vüje de San Giàcheme Jalìzzje s.f. = Galassia, Via lattea

Alla lettera si traduce come “Via di San Giacomo di Galizia”, che sarebbe il famoso “Cammino di Santiago di Compostela”, la città della Galizia (Spagna) che attrasse fin dal Medioevo pellegrini da tutta Europa.

Ma che c’entra San Giacomo con la Via Lattea?

Esistono diverse leggende popolari sulla presenza della Via Lattea nel cielo stellato. Riporto testualmente le parole del dott. Matteo Rinaldi (cui va il mio sentito ringraziamento) che si riferiscono alla leggenda diffusa fra noi Pugliesi:

«Nel nostro Tavoliere, caratterizzato soprattutto dalla sua prevalente attività agricola, quella Galassia veniva quasi sempre attribuita ad una scia di paglia che un antico carrettiere aveva perso dal suo carro (una volta veramente per il trasporto della paglia si usava il cosiddetto carrettöne che era più capiente del carro) mentre faceva ritorno verso la montagna.
Un tempo, la paglia scarseggiava nei territori montani e la si andava a recuperare nelle campagne del Tavoliere, in quelle campagne che facevano parte, con un termine onnicomprensivo, della “puglia”»

Mio padre (classe 1901) me la raccontò arricchita di un particolare: il carrettiere era “San Giàcheme Jalìzzje” in persona e la paglia era stata rubata in una masseria della Puglia piana. Gesù gli ordinò di restituire immediatamente il maltolto e per percorrere a ritroso lo stesso itinerario, dato che ormai era notte, la scia di paglia perduta in precedenza divenne luminosa per consentirgli di compiere l’azione riparatrice in tutta sicurezza.

Ovviamente mio padre non aveva idea, nemmeno lontanamente, dell’esistenza della Galizia sulle rive spagnole dell’Atlantico. riteneva Jalizzje o Vijalìzzje fosse il cognome o il soprannome dell’Apostolo San Giacomo.

Filed under: VTagged with:

Santìlle

Santìlle s.m. = Santino

Riporto testualmente la definizione essenziale della Treccani:
«Piccolo cartoncino rettangolare stampato, che su un lato riproduce la figura di un santo o altro soggetto sacro, e sull’altro reca una preghiera o formula di invocazione»

La foto riproduce una immagine a noi molto cara.

In lingua italiana è passata la voce “santino” anche per designare l’immagine che i candidati politici-amministrativi producono di sé per la campagna elettorale.

Filed under: RTagged with:

Jì chjù mègghje a cummanné ca a fotte

Jì chjù mègghje a cummanné ca a fotte

Questo Detto sintetizza il fascino del Potere.

Il Potere non significa solo possedere le leve di comando in ambiente politico, scientifico, militare, giudiziario, ecclesiastico, finanziario, ecc., ma anche semplicemente la facoltà di agire secondo la propria volontà, senza dover assecondare nessuno, possibilmente avvalendosi di sottoposti.

Insomma secondo alcuni il piacere derivante da questo status è superiore a quello sessuale.
De gustibus…

Filed under: Proverbi e Detti

Attandüne (all’)

Attandüne (all’) avv. = A tentoni, alla cieca

Si usa l’avverbio “all’attandüne” per indicare l’avanzamento al buio, tastando con i piedi o con un bastone il terreno o lo spazio davanti a sé per accertarsi dell’assenza di ostacoli.

In italiano si dice “camminare tentoni (o a tentoni)” oppure “camminare testoni” ed è usato, anche in senso figurato, come sostituto del bel sinonimo “brancolare”.

In dialetto l’avverbio deriva da (clicca—>) attandé = tastare, toccare

Filed under: ATagged with:

Suma’

Suma’ s.m. = Maestro, Mastro

L’appellativo suma’ era usato dagli allievi di bottega rivolgendosi al mastro/maestro artigiano (fabbro, sellaio, sarto, falegname, muratore, lattoniere, ecc. ).

Secondo la mia opinabile opinione è la forma contratta di “u màstre“. 

Il lettore Matteo Borgia – che ringrazio di cuore – ha formulato questa ipotesi sull’origine di suma’:
«L’attributo sua o suo è una forma di rispetto (sua signoria, sua maestà, sua santità, sua eccellenza, ecc. ecc.).

Perciò suma’ è la forma contratta di “sua maestria”.
Allo stesso modo contratto, aggiungo io, si è formato in siciliano il vocativo vossia, e voscenza (vostra signoria, vostra eccellenza)

Parlandone a terzi gli allievi indicano il proprio maestro/a con: ‘u mastre müje, o ‘a mastra möje = il mio maestro, la mia maestra.

In termini generici basta ‘u mastre o ‘a mastre

Filed under: STagged with: