A chi dé, a chi combromètte

A chi dé, a chi combromètte

Alla lettera significa: a chi dà (percosse) e a chi coinvolge, compromette.

È la definizione di un tipo gradasso, borioso, smargiasso, presuntuoso, spaccone e rissoso (per oggi basta).

Insomma meglio tenerlo lontano perché facilmente coinvolge gli astanti nelle sua fanfaronate. Vuole essere sempre al centro dell’attenzione, nel bene, ma sopratutto nel male. Vuole sempre avere prepotentemente l’ultima parola perché si ritiene infallibile, il migliore.

In Abruzzo dicono, in versione leggermente diversa accettata anche da noi, che il tizio a chi mena (percosse) e a chi promette (ossia minaccia di bastonare).

Filed under: Proverbi e Detti

1 Comment

  1. Ho ricevuto due commenti:
    Lino Brunetti
    Questa è la definizione che più spesso mi affibbiava la madre di un mio amico di giochi, quando avevo tre o quattro anni, dopo che avevo pestato suo figlio mio coetaneo, che si chiamava “Masino”.

    Tomaiuolo Giuseppe
    Secondo me, in definitiva, vuol dire non affidabile.
    Io la sapevo così: “a chi da e a chi promette”.


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

due × 2 =