Categoria: Q

Quìnde

Quìnde agg.= Quinto

1 – Che, in una successione ordinata, occupa il posto corrispondente al numero 5.

2 – Con valore frazionario, relativo a ciascuna delle parti di un intero diviso per cinque: la quinta parte.

3 – Peso per bilancia dal valore di 200 g.

4 – Misurino per liquidi dalla capacita di 200 ml.

In effetti un quinto di mille (grammi o ml) sono proprio duecento. Il “mezzo quinto” corrisponte a un decimo, quindi a 100 grammi o cc, o ml).

‘nu quìnde de latte = 200 g di latte.
‘nu quìnde de pàste = 200 g di pasta.
düje quìnde = 400 g (o ml)
trè quìnde = 600 g (o ml)
quàtte quìnde = 800 g (o ml)

Addirittura esiste la locuzione ‘nu quìnde e mjizze = un quinto e mezzo, per indicare una misura liquida o solida di 300 g.

Düje quìnde e mjizze = Due quinti e mezzo = 500 g (il mezzo chilo o mezzo litro)

Se si vuol essere ancora più precisi, si usa aggiungere con voce più moderna, cinquanda gràmme.

Per es. 750 g si traducono in tre quìnde e mjizze e cinquanta gràmme. Per questo alle scuole elementari eravamo bravi a far rapidamente di conto!

Quando il vino si vendeva sfuso nelle cantine, si chiedeva quatte quìnde e ‘na cazzöse = 800 g di vino e una gassosa da 200 ml. La miscela giusta per migliorare la boccata del vino, magari un po’ aspro di natura, e per riempire fino al collo una bottiglia da litro.

Filed under: QTagged with:

Quèsta

Quèsta agg. = Questa

Aggettivo dimostrativo solo al femminile, è sempre seguito dal sostantivo che modifica, indica persona o cosa vicina nello spazio o nel tempo a chi parla.

Quèsta giòvene me piéce veramende! = Questa ragazza mi piace davvero.

Si contrae spesso in ‘sta‘sta pàcce = questa matta!

Filed under: QTagged with:

Quèdda

Quèdda agg = Quella

Aggettivo dimostrativo solo femminile sempre seguito dal sostantivo che modifica, indica persona o cosa lontana nello spazio o nel tempo da chi parla e da chi ascolta.

Purtroppo Quèdda si è italianizzata quasi del tutto in Quella, come tutti i termini terminanti in -dde, perché ritenuti rozzi.

Diccìlle a quèdda berafàtte ca jüje la spüle tutta quande! = Diglielo pure a quella bellezza, che io la depilo totalmente con un assalto alla sua capigliatura! (esempio di minaccia di una donna gelosa verso la sua rivale)

Filed under: QTagged with:

Quatte vócchele

Quatte vócchele top. = Quattro boccali

Toponimo che indica la zona di Manfredonia a ridosso di Via Gaetano Palatella. Praticamente scendendo per via Porta Pugliese, all’inizio di Via della Croce, zona che all’epoca non era stata ancora edificata.

Esisteva fino agli anni ’50 una grandissima cisterna pubblica per attingere acqua piovana in essa accumulata durante la stagione piovosa.

Per poterla attingere sopra questa cisterna esistevano quattro aperture, imboccature a pozzo con relativo coperchio, dette in dialetto vócchele, derivato da bocca, imbocco, boccale.

Altre due cisterne erano attive per i bisogni della popolazione: una era ubicata vicino al Convento di Santa Maria, ove attualmente sorge l’edifico della banca Monte Paschi, e l’altra, per la maggiore capienza del suo serbatoio, detta ‘U pescenöne= il cisternone, situata di fronte al Torrione dell’Astrologo, su Via Antiche Mura. Sopra quell’area ci hanno costruito un Condominio. I locali ubicati a piano terra furono adibiti a Cinema parrocchiale da don Nicola Angiuli: ‘u cìneme pescenöne.

Filed under: QTagged with:

Quartüne

Quartüne s.m. = Appartamento

Abitazione autonoma facente parte dello stesso edificio in cui sono collocati altri appartamenti simili. Ossia una parte di tutto.

Deriva dallo  spagnolo cuartillo, diminutivo di cuarto, sostantivo che significa appartamento, abitazione o anche stanza.

Abbiamo già visto che nel nostro dialetto quarte tra i vari significati, come sostantivo designa anche la “parte”.

Negli anni ’60 ‘u quartüne è diventato con termine simil-italiano l’appartamènde perdendo la sua antica denominazione, ricordata ora solo dalle persone più anziane.

Giuànne töne düje quartüne = Giovanni possiede due appartamenti

Se vogliamo, il sostantivo italiano “quartiere” significa una delle parti un cui era suddivisa la città.

Filed under: QTagged with:

Quartére

Quartére s.f. = Giara

Grosso recipiente di terracotta di forma oblunga e panciuta, a bocca larga e dotato di due manici anch’esse di terracotta, usato per conservare olio, vino, acqua o granaglie. Capacità da 5 litri (‘a quartarèlle = piccola giara) a 20 litri

Filed under: QTagged with:

Quarte

Quarte s.f., s.m., agg. = parte, quarto

1) Quarte s.m. = Parte s.m. – Zona, luogo, territorio, regione, direzione, impeto, impulso.

A quale quarte si jüte a javeté = In che parte sei andato ad abitare?
A quale quarte ‘mma jì? = In che direzione dobbiamo andare?
Jìsse jì venüte au quarte müje = Lui è venuto dalla parte mia, verso di me.

2) Quarto agg. – Numerale ordinale. In una successione ordinata, occupa il posto corrispondente al numero 4.
Javetéme au quarte piéne = Abitiamo al quarto piano.

3) Quarte agg.– Al maschile ha valore frazionario. Ognuna delle quattro parti in cui si suddivide qlco.

Hamme tagghjéte ‘a pizze e ce sume pigghjéte ‘nu quarte a tèste (pedüne). = Abbiamo diviso la pizza e ci siamo presi un quarto ciascuno.

4) Quarte agg. – Al femminile indica una misura di capacità di litro o di peso di 250 ml o g.

‘Na quarte de péne = Un quarto (di chilogrammo) di pane
‘Na quarte de latte = Un quarto (di litro) di latte.

Filed under: QTagged with: , ,

Quaröre

Quaröre s.f. = Querela

Atto con cui la persona che si ritiene offesa, sporge denuncia all’autorità competente perché questa intraprenda azione civile/penale contro il presunto offensore.

Fé ‘a quaröre = Sporgere querela. Querelare qlcu per ingiuria, diffamazione ecc.

Filed under: QTagged with:

Quànne bune-bune…

Quànne bune-bune… loc.id. = Tutt’al più, ammesso e non concesso.

Conclude così un ragionamento sull’opportunità di intervenire alla fine di un’osservazione, di una decisione irrevocabile.

Si potrebbe usare l’espressione ora in auge: chìssene…

Nüje faciüme acchessì: Quanne bune-bune turnéme ‘ndröte = Noi agiamo in questo modo. Tutt’al più, torniamo indiet

Filed under: QTagged with:

Quagghjé

Quagghjé v.t. = Cagliare

Far coagulare, far rapprendere il latte usando il caglio, detto, con l’accento piano, ‘u quàgghje s.m.

Nell’Italia centro-meridionale cagliare si dice proprio quagliare.

Figuratamente, significa: giungere a una conclusione, a un risultato positivo.

Ha vennute ‘a chése? Angore nen quagghjéme njinde = Hai venduto la casa? Non abbiamo ancora concluso la trattativa.

Si usa, in questo caso, anche il verbo acquaquagghjé.

Filed under: QTagged with: