Marjànne ‘a furnére

Marjànne ‘a furnére

Marjanne ‘u fórne appeccéte,
‘u marüte tutte sgubbéte
i figghje so’ türa petìscene
e Marjanne ca chéche e pìsce.

Marianna (la fornaia) ha sempre il forno acceso, il marito ha la gobba accentuata, i figli sono ladruncoli di croste, e Marianna caca e piscia (nel senso che vive senza pensieri).

Mentre per sui versi finali non ho alcun dubbio, sui due versi iniziali ho qualche perplessità perché sono passati troppi anni da quando l’appresi.

Chiedete a qualche anziano, se c’è discordanza posso sempre rettificare. Grazie.

Filed under: Sfottò

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

4 + diciotto =