Gghjachitemmùrte

Gghjachitemmùrte inter. = Esclamazione, (rom. li mortàcci.…)

Si tratta del riassunto della frase intera: mannàgghja a chi t’è murte! = male ne abbia chi ti è morto.

In rapporto al numero dei destinatari dell’improperio, può essere declamato anche al plurale: ‘ghiachivemmùrte.

Viene enfatizzato, sempre ad alta voce. Quando lo si bisbiglia a testa bassa si è di fronte ad un superiore che non deve sentire, per il bene di tutti.

Se non bastasse, per rincarare la dose, si aggiunge senza prendere fiato “e stramùrte!”.

Talora, ancora più stringatamente echeggiava un trisillabo, specie se rivolto a dei monelli in fuga dopo aver combinato qualche marachella: “ghiachìve….!” e bastava questo.

Comunque jastemé ‘i mùrte=bestemmiare contro i defunti era considerata una ingiuria molto grave. La reazione era violenta, e la zuffa, anche tra adulti, finiva molto male.

I più poetici ricorrevano alla frase mannagghje all’ùsse sturte de chivemmùrte = Male ne abbiano le ossa storte dei vostri morti!

Io credo solo per questione di rima, a prescindere dalla deformazione di quelle povere oss

 

Filed under: GTagged with:

1 Comment

  1. Commenti:

    MrDelicate
    Mio nonno aggiungeva anche un sonoro Ghjachitevvève (spero di averlo scritto correttamente). Per logica dovrebbe essere un augurio di male rivolto a chi non era ancora defunto…
    Saluti

    Tonino Racioppa
    No, credo invece che si tratti di un vero e proprio eufemismo, come quando si dice: “perdinci!” o anche: “per la Majella!”, invece di nominare in un’imprecazione Dio o la Madonna.
    Forse una forma di rispetto verso i defunti, ma il destinatario dell’improperio è sempre lo stesso.
    Grazie per l’attenzione.


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

nove − tre =