Jangiulüne, che purte ‘nzüne?

Jangiulüne, che purte ‘nzüne?

Ad Angelina, la pollicultrice

– Jangiulüne, che purte ‘nzüne?
– Porte ‘u mangé ai pulecjüne

Angelina, che rechi in grembo? Porto il becchime per i pulcini.

La strofa diventa un po’ sboccata nella seconda parte:

Vù sapì che tjine sòtte?
Tjine ‘u tóbbe de l’acquedòtte.

Non c’è bisogno di traduzione.

Si canta adattata sul motivo barese: “Abbasce alla marine se vènne ‘u pesce”…

Filed under: Sfottò

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

tre × uno =