Jìnde ‘a chésa möje pòzze caché accüme a ‘nu vöve

Jìnde ‘a chésa möje pòzze caché accüme a ‘nu vöve

Dentro casa mia posso defecare (abbondantemente, proprio come fa) un bue.

Questo proverbio lo diceva mio nonno, classe 1876, e mi è stato tramandato da mio padre.

Una volta papà decise di chiamare l’imbianchino (‘u bianghjatöre) dopo appena un anno dalla precedente tinteggiatura. La cosa non sarebbe sfuggita ai vicini, che magari non potevano permettersi questo “lusso” della ridipintura dopo pochi mesi.

Allora la risposta fu logica: jìnde ‘a chésa möje pòzze caché accüme ‘nu vöve

È un inno alla “privacy”. Giustamente dentro le mura domestiche, se non faccio cose illecite, posso agire come mi pare e piace. Non è così?

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

quattro + dodici =