La jallüne fé l’öve, e au jàlle li dóške ‘u cüle

La jallüne fé l’öve, e au jàlle li dóške ‘u cüle

La gallina fa le uova e al gallo gli pizzica il culo.

C’è chi sa prendersi i meriti di un risultato positivo, e sa lamentarsi delle sue fatiche sofferte per ottenerlo, tacendo sul fatto che le pene sono state sofferte da altri.

Succede negli ambienti di lavoro. Il capo sa sempre mettersi in mostra: perciò i meriti sono tutti suoi.

I collaboratori invece, che hanno faticato, si sono fatti il mazzo così, sono quasi sempre ignorati, non sono nemmeno nominati, e men che meno additati per riconoscerne i meriti e dar loro un plauso.

Un po’ come la storia del mese di Maggio che si prende l’onore della fioritura di Aprile.

La voce verbale dóške viene dall’infinito (clicca→) dušké = dolere, bruciare

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

5 + due =