La pèchere pe giustìzzje e l’agnjille pe desgrazzje

La pèchere pe giustìzzje e l’agnjille pe desgrazzje

Alla lettera significa: la pecora per giustizia e l’agnello per disgrazia.

Va chiarito che si tratta di linguaggio figurato, come avviene in quasi tutti i proverbi. La pecora e l’agnello simboleggiano gli esseri umani, gli anziani e i giovani.

Il tema è la morte.
Se essa ghermisce una persona avanti negli anni, è in qualche modo giustificata (giustìzzje = è giusto), ma se raggiunge una persona giovane è sicuramente una sciagura (desgrazzje = è sventura)..

Il proverbio è chiaramente un po’ consolatorio come per dire che se muore una persona adulta, l’evento è, diciamo, assimilato, metabolizzato come una svolta naturale e attendibile: la sua vita l’ha vissuta ormai…

Se invece muore un individuo giovane in dolore è straziante e inconsolabile.

Insomma se muore un genitore, i figli si rassegnano in tempi relativamente brevi . Se invece muore un figlio i genitori non si rassegnano mai. Vero?

Nostro Signore stesso è presentato come l’Agnello sacrificale.

Scusate se sono scivolato su un argomento un po’ triste. La vita stessa è questa.

Io penso che convenga a questo punto pensare piuttosto all’agnello cotto alla brace con numerosi turcenjille

Il proverbio mi è stato riferito e spiegato dalla signora Nella Riccardo, ultra-ottantenne, che voglio ringraziare qui pubblicamente.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

cinque × quattro =