Mò vöne a parànze, e Michélüne scappe annanze

Mò vöne a parànze, e Michélüne scappe annanze
L’antica filastrocca popolare è diretta quale sfottò a una certa Michelina.

I primi quattro versi sono originali. Probabilmente gli ultimi due sono di epoca successiva.

Ovviamente si può anche coniugare al maschile per sfottere Mechelüne = Michelino.

Mò vöne a parànze, mò vöne a parànze
e Michélüne scappe annanze;
ho truéte ‘nu cefalotte
e Michélüne ce féje ‘a ciambotte!
Ce lo fatte škìtte pe jèsse
e Michélüne ce jèsse a fé fotte

Ora arriva la paranza, e Michelina corre avanti; ha trovato un piccolo cefalo e Michelina (con questo pesce) si prapara la zuppa! Se l’è fatta solo per lei (niente a me?), e perciò andasse a farsi..friggere..a quel paese!

Filed under: Sfottò

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

dodici + 15 =