Mùrte e vüve

 Mùrte e vüve loc.id. = Continuamente

L’espressione locale, che alla lettera significa “morto e vivo”, non ha senso per quelli che non sono nativi di Manfredonia.

Per i parlanti locali significa: continuamente, senza soste, incessantemente. È pronunciato con tono di insofferenza o di rimprovero. Quindi la locuzione assume una valenza negativa.

In italiano si potrebbe tradurre “notte e giorno” perché esprime un lungo tempo, senza soluzione di continuità.

Ecchecca’, sté murte e vüve škafféte ‘mbàcce a ‘sta càzze de talevesiöne! Ascìnne, vatte fé ‘na caménete= E che diamine, stai continuamente a piazzato davanti a questo accidente di televisore! Esci, va a fari una passeggiata!

Jògge Giuànne nen ce sté. Me maravìgghje: codde sté quà mùrte e vüve a juché ai carte = Oggi Giovanni non c’è. Mi meraviglio: costui sta quà giorno e notte a giocare a carte.

Te ha da sté murte e vüve söpe i lìbbre se te vù laurié = Tu devi stare notte e giorno sui libri se ti vuoi laureare.

In tempi moderni il rimprovero delle mamme suonerebbe così: Ch’agghja fé? Mattöje stè murte e vüve söpe a “indernètte”, o accüme cazze ce chjéme jìsse… Che posso fare? Matteo è in continuazione su Internet, o come accidenti si chiama questa diavoleria.

Filed under: MTagged with:

2 Comments

  1. Scrive Roberta:
    “Salve a tutti ! Complimenti per il sito, è davvero molto bello ! Comunque volevo dire che dovreste pubblicare un libro completo sul dialetto manfredoniano (ancor meglio se con altri dialetti del tavoliere). Sarebbe una buona iniziativa per valorizzare la nostra cultura che si sta perdendo man mano ….che ne dite??

    TONINO:
    Non so se tecnicamente sia possibile pubblicare su carta questo lavoro che, per altro, è in continuo arricchimento perché si accresce quotidianamente di nuovi articoli.
    La carta stampata è, diciamo, statica: hai un lavoro completo e lo dai alle stampe e poi magari ne pubblichi una successiva edizione “riveduta e corretta”. Con i costi e i rischi che queste operazioni comportano (si venderà?….).
    In rete, invece, è tutto più semplice, più snello. Si possono inserire ogni giorno nuove voci, si possono modificare gli articoli già pubblicati, con foto, e con nuovi esempi.
    Grazie Roberta per il tuo apprezzamento. Continua a seguire questa mia fatica!

  2. Tonino, concordo pienamente con quanto dici. Il blog non può essere ingessato, tuttavia potresti ampliarlo con una versione stampabile , così soddisfi anche queste esigenze. Personalmente da ecologista evito di consumare carta, però una versione stampata ogni tanto potrebbe essere utile, anche per diffondere questa cultura tra i più piccoli (penso ai nipotini).


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

4 + quattro =