Oh, püle-pelòsce, e la pèlle de zja Nannïne ca cj’ammòsce!

Oh, püle-pelòsce, e la pèlle de zja Nannïne ca cj’ammòsce!

Oh, püle-pelòsce, e la pelle de zia Annina che si affloscia!

Si tratta di una canzonatura in rima. Si pronunciava mimando il gesto della chitarra (gomito sinistro aderente al fianco, avambraccio sollevato a 90°, mano sinistra semiaperta e mano destra che “gratta” sullo stomaco)

A seconda della circostanza assumeva diversi significati:


*«Puoi dire ciò che vuoi, tanto non ti crede nessuno!»
*«Oh, come sei ingenuo!»
*«Credi ancora a queste cose?»
*«Non capisci che ti stanno beffando?»

Esistevano anche, sempre pronunciate schitarrando sullo stomaco:
-una forma breve: piloscia-piloscia!
-una variante: Oh,Nannüne! riferita all’originale zia Nannina.

Al giorno d’oggi nessuno si sognerebbe di cantilenare questo nonsense. Credo che i giovani ricorrano ad uno sbrigativo e pratico  che [cazze] sté decènne!

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

cinque × tre =