Quanne arrüve ‘a Canelöre…

Quanne arrüve ‘a Canelöre…

Quann’arrüve ‘a Canelöre  (←clicca)
da ‘u vjirne stéme före!

Arrespònne ‘u surgetjille :
«Ámme passéte mizze virnecjille… ».

Arrespònne ‘a vècchje arraggéte:
« Aspettéme a l’Annunziéte!».

Arrespònne ‘u vècchje trìste:
«Nen jì före la vernéte,
se nen vöne ‘u “Cùrpe de Crìste”!»

Vù jèsse chjù secüre?:
Quànn’ ascènnene ‘i metetüre !

Traduzione:
-Quando arriva la festa della Candelora (2 febbraio) dall’inverno siamo fuori.
-Ribatte il topolino: “Abbiamo superato mezzo invernino”.
-Risponde la vecchia arrabbiata: “Aspettiamo l’Annunziata” (il 25 marzo), così siamo certi che l’inverno sarà passato, dato che ufficialmente in quella data si è già in primavera.
-Replica il vecchio triste: “Aspettiamo il ‘Corpo di Cristo’  [ossia il “Corpus Domini”, da fine maggio a metà giugno].
-Ma vuoi essere più sicuro (che l’inverno sia finito)? Aspettiamo (che, a fine giugno) arrivino i mietitori!

Da una vivace vecchietta Maria Troiano ho appreso una variante al verso della “vecchia arrabbiata”: difatti invece di ribattera di aspettare l’Annunziata, sentenzia: «àmme fatte ‘na mezza vernéte!» = Abbiamo fatto una metà invernata.

Nella vicina Mattinata dicono: “Tanne la vernéte è fore, quanne la frónne de fiche ce fé quande na stambe de vove“. Per stambe si intende la zampa, lo zoccolo del bue, o la sua orma lasciata infossata nel terreno soffice.

Ringrazio i lettori Silvana Fatone e Luigi Carbone per i suggerimenti forniti per aggiornare questo articolo, nonché il prof. Francesco Granatiero di Mattinata.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

5 + diciannove =