Quànne ‘u càzze mètte l’ògne e la fèsse mètte ‘a zampògne…

Quànne ‘u càzze mètte l’ògne e la fèsse mètte ‘a zampògne…

Scusate la trivialità di questo Detto. Credetemi non l’ho inventato io.

La traduzione è folgorante, cioè: “quando il membro virile genererà l’unghia e l’apparato genitale femminile originerà pene e scroto di dimensioni zampognesche…”

Questo Detto è pronunciato da qlcu spazientito per le richieste di un postulante, richieste che non possono essere eseguite perché esose o fuori della portata di chiunque. Il significato è lampante: cioè mai!

Domanda: Quann’jì ca m’ ha da dé ‘a màchene ‘mbrjiste? = Quando mi presterai l’automobile?
Risposta: Quànne ‘u càzze mètte l’ògne e la fèsse mètte ‘a zampògne. Cioè mai.

In questo caso è stato scelto zampogne solo per questioni di rima.

Viene pronunciato anche nel fare previsioni pessimistiche.
Tó tànne t’ha da laurié quànne ‘u càzze mètte l’ògne e la fèsse mètte ‘a zampògne! = Tu allora conseguirai la laurea quando accadrà un evento impensabile.

Filed under: Proverbi e Detti

1 Comment

  1. Anche in siciliano la parte si dice “quannu u cazzu faci l’ugna”


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

1 × quattro =