Quànne ‘u cüle möna vjinde..

Quànne ‘u cüle möna vjinde, u spezzjéle ce annètte ‘i djindeCioè:

Quando il culo lancia “vento” il farmacista rimane disoccupato (tanto da occupare il tempo per pulirsi i denti).

È in uso dire sia möna vjinde, sia möne ‘u vjinde, con l’articolo ‘u = il.

Io veramente avrei detto “vòtte ‘u vjinde” perché lo trovo più appropriato al dialetto attuale.

Ma la frase è antica – difatti parla di spezjéle, roba del ‘700.

Ora si dice farmacìste e non si usa più il verbo annetté al posto di pulezzé.

Ci è stata tramandata così come riportata nel titolo.

L’essenziale è che sia chiaro il monito. Mangiate fagioli! È tutta salute.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

15 − 7 =