Quest’jì la Palme…

 

 

Quèst’jì la Palme...
Ecco il Detto completo:

Quèst’ jì la Palme e faciüme la péce,
nen jì tjimbe di stéje ‘nguèrre.
So’ li Tórche e fanne la péce,
quèst’ jì la Palme e damme ‘nu béce.

Questa è la Palma e facciamo la pace/non è tempo di stare in guerra/ sono i Turchi e fanno la pace,/ questa è la Palma e dammi un bacio.

Una formula che i bimbi recitavano, nello scambiarsi in segno di pace con i parenti e con gli amichetti,  il ramoscello benedetto di ulivo nella Domenica antecedente la Pasqua Cristiana.

Nei Paesi caldi, i Cristiani usano i rami della palma da datteri, da cui il nome della ricorrenza, come fecero gli abitanti di Gerusalemme, innalzando i ramoscelli al grido di “Osanna!” quando Gesù entrò in città (Marco 12,12-13): «12  Il giorno seguente, la grande folla che era venuta per la festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, 13 prese dei rami di palme e uscì incontro a lui gridando: “Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d’Israele!”»

Nei Pesi mediterranei usiamo i ramoscelli di ulivo, quale simbolo di pace, in memoria della colomba mandata da Noè e che ritornò con uno di questi nel becco.

Nei Paesi nordici di rito cattolico o luterano, ove non crescono né palme, né ulivi,  usano scambiarsi piantine varie o rametti intrecciati di salice, bosso comune, ginepro.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

15 + 1 =