Tag: esclamazione

Cröce e nöce

Cröce e nöce escl.. = Metterci una pietra sopra.

È un’spressione rafforzativa locale che indica l’esclusione irrevocabile di una persona o di un luogo dalle proprie frequentazioni, per effetto di una delusione, di una perdita, di una amara esperienza.

Di solito viene pronunciato accompagnato da un gesto della mano che traccia nell’aria una grande X, come una benedizione a rovescio… come se si volesse sbarrare una scritta su una lavagna immaginaria.

Da códdu dentìste?Nziamé cchió! Cröce e nöce! = Da quel dentista? Non sia mai più!  Ho cancellato definitivamente anche ogni remota possibilità di ritornarci!

Il sostantivo nöce è pronunciato solo per rima o assonanza rafforzativa.

Accade sovente in dialetto.Qualche esempio:
Storje e patòrje
Mamurce p’i ‘ndùrce
Nannurche abbasce a l’urte
Pàbbele e fracabbele
Sturte e malurte

Filed under: CTagged with:

Amöre de Düje! (pe l’, o söpe l’)

Amöre de Düje(pe l’) escl. = Amor di Dio! (per l’)

Una esclamazione generalmente usata per implorare benevolenza.

Mi viene in mente la storiella di quel barbiere che malvolentieri si prestò a sbarbare un poveretto perché gli era stato chiesto di farlo per l’Amore di Dio. Avendo usato sapone infimo e rasoio stagghjéte = non affilato, il suo gesto non fu affatto meritorio.

Come in italiano si usa anche per escludere qualsiasi dubbio o per dissentire da una nefandezza.

Per esempio se qualche pettegola sta insinuando una malignità sulla onorabilità o sull’illibatezza di una donzella.
Mariètte jì ‘na uagnöna aggarbéte! Pe l’amöre de Düje! Nen ce sté njinte da düce nè söp’a jèsse e nè söp’alla famìgghje söve! = Marietta è una ragazza assennata! Per l’amor di Dio! Non c’è nulla da dire né su suo conto, e né sulla sua famiglia.

Le persone più anziane usavano la formula söpe l’Amöre de Düje!  = Sull’Amore di Dio!

L’italiano è ancora più variegato:
-Dio ce ne scampi e liberi
-Per carità di Dio
-Dio ce ne guardi
-Per l’amor di Dio

 

Filed under: ATagged with:

Oh fìgghje!

Oh fìgghje! escl. = Oh, figlio!

Variante: Uh, fìgghje müje! o anche Códdu fìgghje!, o Figghjarjille! (femm. figghjarèlle!)

È un’esclamazione propria di affetto, di solidarietà, rivolta verso qualcuno che si è fatto male o che si lamenta per qualche torto ricevuto.

Se il frugoletto, cadendo, comincia a frignare (anche se non si è sbucciato alcun ginocchio), la mammina lo solleva, lo abbraccia premurosa e gli sussurra con voce lamentosa: Oh fìgghje!.
Segue un cerimonia consolidata:
a) un bacio taumaturgo sulla parte dolorante che rimuove istantaneamente qualsiasi sofferenza anche futura:
b) una dose vendicativa di pedate al pavimento “cattivo” colpevole di aver provocato il ruzzolone con accompagnamento vocale : “Tèh, tèh!, Cattiiivo!””

Talvolta l’esclamazione diventa uno scherno, per beffeggiare gli adulti che si lamentano per ogni minima contrarietà che la vita riserva a tutti i viventi.

Filed under: OTagged with:

Mafìsce

Mafisce escl. = Finito, terminato

Si usa questo bisillabo, dall’arabo māfīš; per dire “non ce n’è più, è finito tutto, terminato” prillando la mano con l’indice e il pollice distesi.

Si riferisce a cibo o ad altro quando perviene una richiesta fuori tempo massimo.
Mafìsce, ne’nge sté cchjó nnjinde!  = Finito, non c’è sta più niente!

Talora si usa anche l’espressione  finish! una contrazione dell’inglese finished = finito, ultimato, esaurito.

A volte in silenzio, basta il solo gesto del polso per indicare che non ci sono residui….

 

Filed under: MTagged with:

Zìcche mò!

Zìcche mò! escl. = Proprio adesso!

Ho già spiegato il significato di zìcche

Questa espressione mi fa venire a mente una simpatica poesia del nostro concittadino Francesco Granatiero,

Mi sono permesso di trascriverla, con il beneplacito di Francesco, ad uso dei nostri lettori, con la relativa traduzione quasi letterale. È il lamento di San Lorenzo Majorano, nostro Santo patrono.

“M’avèveta chiamé….zìcche mò!”

Eh Segnöre!
m’avèveta chiamé zìcche mò, cu ‘stu favógne
ch’ò ‘ppeccéte mjizze mónne!
Chi me l’avöva düce de fé ‘u Prutettöre de ‘sti mazzangànne
ca ce respègghjene škìtte a Carnevéle,
o a lu spére du cannöne, ‘a Festa Grànne!

Düche jü: nen putöve jèsse, che sacce, Sant’Andònje?
Códde pìgghje vüte a tutta fòrze!
E püre mò ca i Partüte non ce làssene manghe li scòrze!

Nen putöve jèsse San Gennére?
Códde sté chjüne a denére!
Ogni volte ca fé fé tèrne, quatèrne e cinguïne,
mìneme ce abbóške ‘na catenïne!

Nen putöve jèsse San Dumìneche?
A códde enjinde che Chjise e che Palàzze avüte fàtte!
E apprjisse a preggessjöna möje? Škìtte quàtte jàtte!!!

Jü, pòvere Crìste, söpe a ‘stu cavalle pàcce,
chjandéte jìnd’u Cumüne a vedì cèrte fàcce…

Eh, ma mò nen ce la fàzze!
Ve ne sïte scurdéte ca sò rumaste škìtte pe ‘nu vràzze?

Ah! Chi me l’avöva dïce, de fé lu Prutettöre
de ‘stu Pòpele ‘nféme e tradetöre,
ca da tant’anne vé decènne ca sò “amande de frustjire”,
škìtte pecchè chjiche jüne non ò truéte ‘a zïte, o ‘nu mestjire.

La vulüte capì ca sò škìtte ‘nu Sànde, nu pòvere Sande,
ca ve benedüce, all’ammèrse e alla drìtte, a tutte quànde?

Oh, Signore!
Mi dovevate chiamare proprio adesso, con questo favonio che accende mezzo mondo!
Chi me l’avrebbe mai detto di fare il Protettore di questi scansafatiche che si svegliano solo a Carnevale o al rimbombo del cannone quando arriva la Festa grande?  Dico io: non potevo essere, che so, Sant’Antonio? Quello prende voti anche adesso che i Partiti non ci lasciano nemmeno una scorza! [nel senso che si pappano tutto, o che fanno incetta di voti-ndr]
Non potevo essere San Gennaro? Costui è pieno a denari! Ogni volta che fa azzeccare terni, quaterne e cinquine, come minimo guadagna una catenina [una collanina d’oro-ndr]! Non potevo essere San Domenico? A quello che Chiesa e che Palazzo avete fatto! [attualmente sede del Comune-ndr]
E dietro la processione mia? Soltanto quattro gatti…
Io, povero Cristo, in groppa a questo cavallo matto, piantato dentro il Comune [nel Golfalone municipale-ndr] a guardare certe facce..
Eh, ma adesso non ce la faccio (più). Ve ne siete dimenticati che sono rimasto con un solo braccio? [il Vescovo San Lorenzo Maiorano, sul cavallo bianco, nell’atto di attraversare un ponte (Siponto) sotto cui emerge un drago, è raffigurato di profilo, e perciò si vede un solo braccio-ndr]
Ah, chi lo avrebbe mai detto che dovevo fare il Patrono di questo Popolo infame e traditore, che da tanti anni va dicendo che io sia “amante dei forestieri”, solo perché qualcuno non ha trovato [qui a Manfredonia-ndr] una fidanzata o un mestiere adeguato! [come invece è avvenuto per quelli più intraprendenti-ndr]
La volete capire che io sono solo un Santo, un povero Santo che vi benedice, bene o male, tutti quanti?

Filed under: ZTagged with:

Zah!

Zàh! escl. = Pussa via!

Espressione scherzosa usata per allontanare animali, specie o cani.

Scherzosamente mia suocera, quando voleva che qualcuno stesse alla larga, anche solo figuratamente, usava dire, imitando una parlata streuse:
Zah!, fà cchiù llà…, sò segnöra e nen me voglio alzà!

Filed under: ZTagged with:

Uhélà!

Uhélà! escl. = Ehilà

Esclamazione di sorpresa detta quando si incontra qlcu dopo molto tempo.

Come per dire: Toh, chi si vede! Ti ho finalmente incontrato!

Una specie di ciao ma ancor più gioioso per l’inatteso incontro.

Basta anche dire solo Uhé!, come il romanesco anvédi!

Filed under: UTagged with:

Tecquà

Tecquà escl. = Tieni qua

Richiamo per far avvicinare i cani, promettendo di dar loro qlco da mangiare: tieni qua!

Filed under: TTagged with:

Scittrà!

Scittrà! escl. = Pussa via!

Espressione scherzosa usata per allontanare animali, specie i gatti. Con un sorriso lo si dice anche quando ci accorgiamo che qualche bimbetto allunga la mano per ghermire un biscottino di troppo.

La rapidità con cui si pronuncia scittrà è garanzia di immediata fuga del felino o del frugoletto.

Presumo che possa derivare dal francese le-chat-est-là (pronuncia: lesciàttelà) = il gatto è là, come se si volesse avvertire la padrona di casa che il gatto fa razzia nella dispensa.

Questa, come tutte le altre mie ‘spiegazioni’, possono essere fasulle. Smentitemi ,se sapete darmi un’altra spiegazione plausibile, e sarò ben lieto di correggermi.

Anche qui a Matera, accentuando la tendenza della parlata della Terra di Bari, dicono in maniera quasi simile (tranne che per la vocale finale) scittré.

Ricordiamoci che per alcuni secoli il sud Italia è stato dominato dai francesi Angioini, che hanno lasciato notevoli eredità linguistiche nei nostri dialetti.

Filed under: STagged with: