A chi ruméne zïte nen cercànne cunzìglje e sòlde ‘mbrjiste

A chi ruméne zïte nen cercànne cunzìglje e sòlde ‘mbrjiste

A chi rimane celibe/nubile non chiedere consigli e soldi in prestito.

Si ritiene, forse erroneamente, che una persona rimasta single (per scelta o per sorte), non avendo avuto una propria famiglia, non sia capace di cogliere le necessità, morali e materiali, di un genitore che si rivolga ad essa per chiedere un consiglio o un prestito in denaro.

Perciò il Proverbio ordina – in caso di necessità – di non rivolgersi a costoro perché la risposta sarebbe inesorabilmente negativa o inadatta ai propri bisogni; meglio rivolgersi ad una madre di famiglia, più comprensiva e generosa.

Esiste un altro proverbio molto simile (clicca qui)

Nota linguistica.
Il termine züte , (si può scrivere correttamente anche zïte perché omofono), inteso come aggettivo indica lo stato si celibato /nubilato.
Per esempio: Giuànne jì zïte = Giovanni è scapolo; Cungètte jì zïte = Concetta è nubile.

Inteso invece come sostantivo invariabile, indica la persona promessa o prossima alle nozze (‘u zïte e la zìte = i fidanzati, gli sposi).

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

17 − 4 =