Barbanöre

Barbanöre s.m. = Barbanera

1) Barbanera s.m. – Noto lunario comprato a fine anno dalle famiglie per regolare la loro vita quotidiana.

Parlava di semina, raccolto, potatura, oroscopo, meteo, ricette, aforismi, ecc. Era tenuto in grande considerazione dalla gente semplice di allora, come una sacra scrittura rivelata, sacra e infallibile.
Un po’ come il moderno Calendario di Frate Indovino.

Forse lo si trova tuttora in Edicola, Edizioni Campi, Foligno.

Quando qualche richiesta era ritenuta esosa, la si respingea dicendo: nen l’ammètte ‘u Barbanöre = con lo  prevede il “Barbanera”, cioè non è ammissibile, non può essere considerata.

2) Barbanera soprann. Calanjille Barbanöre = Nicola-Aniello “Barbanera”. Noto pescatore che prevedeva il tempo prima di uscire con la barca per pescare (proprio come il lunario Barbanera)

Filed under: BTagged with:

2 Comments

  1. La lettrice Dona Flor chiese:

    “Don tonino…non si dice barbanerje???
    nero come si prononcia?”

  2. Ecco la mia risposta;

    Al massimo, per poter indicare una barba nera, si dovrebbe dire “vàrva nèrje“, no “barba nèrje”

    Ma, ripeto, il soprannome è la trascrizione del titolo del famoso lunario Barbanera, ritenuto infallibile nelle previsioni del tempo, nelle indicazione dell’epoca della semina degli ortaggi, del travaso del vino, ecc.

    Quindi Calanjille Barbanöre portava il titolo della pubblicazione per l’infallibilità delle sue previsioni meteorologiche.

    Nero è “nìrje” al maschile, e “nèrje” al femminile.

    Grazie dona flor, mi hai permesso di fare chiarezza.

    Invito i lettori a mandare repliche quando hanno qualche titubanza o suggerimenti da fare su qls vocabolo.


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

nove + 2 =