Che chjùve agghje mìsse alla cröce?

Che chjùve agghje mìsse alla cröce?

Quale chiodo ho messo alla croce?

È un’imprecazione contro la mala sorte, come per dire: quale nefandezza ho commesso per meritarmi queste tribolazioni?

Anticamente si riteneva che ogni contarietà era una ritorsione di Dio contro i peccatori, ignorando che Dio non è vendicativo ma amoroso infinitamente di più di una mamma.

Quindi – dice il meschino – siccome io non ho messo alcun chiodo per crocifiggere Gesù, non merito questa sventura. Quale chiodo ho messo alla croce? Nessuno!

Anche Tosca, l’eroina Pucciniana, cantava di aver vissuto d’arte e d’amore, di non aver fatto male ad anima viva, e poi chiede rivolta al Signore: “..perché me ne rimuneri così?”

Sarebbe una bestemmia, ma Dio perdona l’espressione blasfema, umanamente comprensibile.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

due × cinque =