La fatüje ce chiéme checòzze…

La fatüje ce chiéme checòzze…

Detto completo: ‘A fatüje ce chiéme checòzze, a me nen me ‘ngòzze, a me nen me ‘ngòzze.

Il lavoro si chiama “zucca”, e non mi sollecita, non mi attrae, non mi stuzzica la voglia.

Poteva chiamarsi in mille altri modi, purché in rima con ‘ngozze.…
Un verbo un po’ strano. Altrove usano la locuzione “non mi azzecca”, o “non mi attira”, oppure “non mi invoglia “…

In italiano corrisponde un altro proverbio: «Voglia di lavorare, saltami addosso, e fammi lavorar meno che posso.»

E’ un ritornello rivolto verso qualcuno che non inizia mai un lavoro  manuale che deve comunque eseguire. Guarda qua, osserva là, deve organizzarsi, meglio aspettare, ci vogliono gli attrezzi adatti, domani se ne parla, ci vuole un aiuto,….ecc.

Filed under: Proverbi e Detti

1 Comment


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

11 + diciannove =