Mettìrece’u völe ‘nanze a l’ucchje.

Mettìrece’u völe ‘nanze a l’ucchje.

Alla lettera significa: mettersi in velo davanti agli occhi.

1 – Metaforicamente indica l’accecamento dovuto alla collera e alla stizza.

Esempio:
M’agghje mìsse ‘u völe ‘nanze a l’ucchje, nen agghje capüte cchjó njinde e l’agghje menéte ‘nu recchjéle
= Mi sono accecato dalla collera, non ho capito più nulla e gli ho mollato un ceffone.

2 – Corrisponde anche, sempre metaforicamente, all’espressione italiana di “turarsi il naso” o “tapparsi le orecchie” nel senso di non voler accettare in cuor proprio di eseguire un’azione ritenuta riprovevole, ma di essere costretti a compierla ugualmente.

I Latini dicevano Obtorto collo = Malvolentieri, a malincuore, forzatamente.

Esempio:
M’agghje mìsse ‘u völe ‘nanze a l’ucchje e l’u so’ jüte a truéje alla chése
 = Mi son coperto gli occhi e sono andato a fargli visita.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

1 + quattordici =