Mufalànne

Mufalànne avv. = L’anno scorso

L’anno scorso, l’anno appena trascorso.

Ritengo che sia la modifica della locuzione mò fé l’anne o mò fé n’anne = Ora fa un anno.

Sono espressioni del lessico contadino e marinaresco che vanno scomparendo. I ragazzi di oggi dicono l’anno scòrse, l’at’anne e düje anne fé..

Mò te sì accattéte ‘stu cappjille? – No, mufalànne = Ora ti sei comprato questo cappello? – No, l’anno scorso (ora fa un anno). Con espressione moderna simil-italiano i ragazzi dicono: No, all’anne scòrse = No, l’anno scorso.

Filed under: MTagged with:

1 Comment

  1. Scrive Lino Brunetti:
    Secondo me, è una parola del dialetto di Monte S. Angelo. Lo diceva sempre mia nonna Marianna che, dopo tanti anni a Manfredonia, non ha mai perso il suo accento montanaro, come del resto tutti gli altri “immigrati” come lei. Poi ci sono, e io ne conosco parecchi, figli di montanari che, sebbene siano nati a Manfredonia, parlano con l’accento montanaro imparato in famiglia.

    Tonino
    Tu sai che i dialetti si mischiano nelle zone limitrofe per un accadimento del tutto naturale.

    Vivo in Basilicata, e mi sono accorto che il dialetto di Melfi è simile a quello di Candela; quello di Vietri di Potenza a quello salernitano, quello di Maratea e Lagonegro a quello calabrese [come d’altronde quello di Trebisacce (CS) tende al pugliese].
    E non solo per la cadenza, ma proprio per i termini usati.

    Faccio un altro esempio, per indicare un ‘neonato’ a Monte Sant’Angelo dicono “quatrére” e a Manfredonia “uagnöne” – dal napoletano “guaglione”. Ebbene ad Ariano Irpino, quindi in Campania, troviamo lo stesso ” ‘o quatràro”.

    Torniamo a “mufalànne”: il termine può essere anche di origine montanara, come dici tu, perché anche mia nonna, che era di Macchia, parlava il dialetto di Monte S.Angelo. Ma io ricordo di averlo sentito in tenera età nelle campagne di del Tavoliere tra gli uomini addetti alla trebbiatura, tutti manfredoniani.

    Lino, ti apprezzo per i tuoi interventi, e ti stimo: ti sollecito a dare sempre il tuo apporto che è linfa che rinvigorisce questo mio modesto lavoro. Magari ci fossero tanti Lino Brunetti a commentare: avrei spunto per elaborare altri termini i modi di dire! ?


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

diciotto − 17 =