Na cappèlle

‘Na cappèlle = Una Cappella

Sul vecchio sito SipontoBlog avevo letto questa deliziosa canzone che certamente cantavano le nostre nonne.

Con il permesso della Redazione mi onoro di poterla trascrivere qui di seguito per la memoria storica di Manfredonia. Ho aggiunto solo qualche ritocco (punteggiatura, ortografia). Purtroppo la poesia è ormai passata nel dimenticatoio, come tante altre (‘u Venardì Sante, l’allorgia sante, ecc.). Anche la musica è stata dimenticata. A meno che qualche lettore fortunato riesca a recuperare il motivo dai propri nonni (magari!) come ha fatto colui che ha riguadagnato il testo.

‘Na cappèlle

Mizz’a mére ce stöve ‘na cappèlle
allà deciöve a Mèsse Gése Crìste.

Gése Criste a Mèsse deciöve
e stöve San Pjitre ca servöve,
‘a Sanda Médre de Düje ce’à sendöve.

Mò respònne Iddüje Onnipotènde:
“Pecchè Médre Marüje ca tande chjange?”.

“Come nen vògghje chjange e lagremé
‘a feste l’anne vuletéte allu lunedì…”

– “Citte mamme nen chjangènne tande
mò me ne véche söpe a cjile celèste.
Allà jü véche a fé trune e tembéste,
pe quìdde ca fatìene a Sanda fèste!”

– “No, fìgghje, nen facènne ‘sta guèrre!
Tó sì ‘u patrüne du cjile e d’a tèrre.

Traduzione per gli amici non manfredoniani: In mezzo al mare c’era una cappella/là celebrava la Messa Gesù Cristo./
Gesù Cristo celebrava e S.Pietro serviva la Messa e la Santa Madre di Dio la seguiva./Ora interviene Iddio onnipotente: “Perché Madre Maria così copiosamente piangi?”/-“Come faccio a non piangere e lacrimare? La festa l’anno spostata al lunedì”/-“Zitta, mamma, e non piangere così tanto: adesso salgo sul cielo celeste (sulle alte sfere del Paradiso)/ Da lassù io vado a fare tuoni e tempeste/ per coloro che lavorano nella Santa Festa! (la Domenica)./-“No, Figlio, non fare questa guerra!/ Tu sei il padrone del cielo e della terra”!

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

3 × 1 =